giovedì,Aprile 18 2024

Gratteri ricorda Falcone: «Lo diffamavano, ora lo usano per parlare a sproposito»

Nel 31esimo anniversario dalla strage di Capaci, il procuratore di Catanzaro è stato ospite del liceo Telesio di Cosenza: «Abbiamo fatto passi in avanti sul contrasto alle mafie, ma siamo deboli sul piano normativo»

Gratteri ricorda Falcone: «Lo diffamavano, ora lo usano per parlare a sproposito»
Nicola Gratteri

«Si rinnova il dispiacere di vedere tante persone che usano Falcone per parlare a sproposito e quando Falcone era al Ministero o a Palermo lo calunniavano e diffamavano. Era molto invidiato Falcone, perché era un fuoriclasse, uno che capiva le cose vent’anni prima degli altri e questo ai mediocri dà molto fastidio». A dirlo è stato il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri parlando con i giornalisti a margine della giornata della legalità celebrata nel liceo classico Telesio di Cosenza in occasione dell’anniversario della strage di Capaci in cui morirono Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.

Una celebre immagine di Falcone e Borsellino
Una celebre immagine di Falcone e Borsellino

«La cosa più rivoluzionaria di Falcone – ha aggiunto il magistrato – è stata il dopo la sua morte perché migliaia di persone sono scese in piazza e i giovani hanno occupato gli spazi che erano degli adulti, evento imprevedibile e inaspettato. Questa è la grande eredità di Falcone, la memoria che attraverso i ragazzi vive ancora. Oggi c’è più consapevolezza e riusciamo a dimostrare anche sul piano giudiziario che la mafia ormai è radicata in tutta Italia ed è presente in tutti i continenti. Abbiamo fatto passi in avanti sul contrasto alle mafie, ma siamo deboli sul piano normativo. Le modifiche processuali fatte dal precedente governo incideranno negativamente sui processi alle mafie, perché quando pensiamo al contrasto alle mafie dobbiamo pensare anche ai reati fine, a quel humus dove poi nascono, crescono e diventano pervasive le mafie. La politica è purtroppo un passo indietro perché non vedo una programmazione nel medio e lungo periodo per poter fare ulteriori passi in avanti al contrasto». All’iniziativa ha partecipato anche Matilde Siracusano, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. Nell’occasione le terrazze del liceo classico Telesio di Cosenza sono state intitolate a Jole Santelli, prima presidente donna della regione Calabria.

LEGGI ANCHE: Vibo, al Gagliardi piantato ficus in memoria di Falcone: la talea arriva dalla casa del magistrato

Gli omicidi politici e il delitto Mattarella: la voce di Falcone in un documento eccezionale

Articoli correlati

top