domenica,Maggio 19 2024

‘Ndrangheta: tremano i clan di Sant’Onofrio e del Vibonese, collabora Onofrio Barbieri

Viene ritenuto un elemento di spicco del clan Bonavota, un azionista condannato in via definitiva per gli omicidi Cracolici e Di Leo. Potrebbe raccontare oltre vent’anni di attività criminali, alleanze e fatti di sangue

‘Ndrangheta: tremano i clan di Sant’Onofrio e del Vibonese, collabora Onofrio Barbieri
Nel riquadro Onofrio Barbieri
Onofrio Barbieri

Un nuovo collaboratore di giustizia nel Vibonese, uno di quelli che potrebbe mettere nei guai l’intera struttura mafiosa di Sant’Onofrio, ma anche svelare le alleanze con i clan di Filadelfia, Pizzo e Vibo Valentia. Onofrio Barbieri, 43 anni, di Sant’Onofrio, ma residente nella frazione Vena Superiore, in contrada Vaccaro, dal 3 maggio scorso sta scontando in via definitiva 30 anni di reclusione per l’omicidio di Domenico Di Leo, alias “Micu Catalanu”, ucciso a Sant’Onofrio in via Tre Croci il 12 luglio 2004, ed anche per l’omicidio di Raffaele Cracolici, alias “Lele Palermo”, ucciso il 4 maggio 2004 a colpi di arma da fuoco a Pizzo Calabro. La condanna definitiva l’avrebbe indotto a “saltare il fosso” ed a collaborare con la Dda di Catanzaro guidata dal procuratore Nicola Gratteri. Onofrio Barbieri, alias “38”, figura fra gli imputati del maxiprocesso Rinascita Scott con l’accusa di associazione mafiosa ed altri reati-fine, dalle armi alle estorsioni ai danneggiamenti. Ritenuto un “fedelissimo” di Domenico Bonavota di Sant’Onofrio, del suo ruolo di sicario ed azionista del clan aveva parlato il collaboratore di giustizia Andrea Mantella ma anche Francesco Michienzi di Acconia di Curinga sin dai tempi dell’operazione “Uova del drago”. La decisione di collaborare con la giustizia potrebbe avere effetti dirompenti nella ‘ndrangheta di Sant’Onofrio e dintorni per arrivare a svelare anche le alleanze dei Bonavota con altre consorterie del Lametino, del Reggino e del Crotonese, oltre a gettare un fascio di luce su diversi fatti di sangue rimasti impuniti nel Vibonese. Unitamente a Domenico Bonavota e Salvatore Mantella, Onofrio Barbieri si trova attualmente sotto processo in Corte d’Assise a Catanzaro anche per l’omicidio di Domenico Belsito, ucciso a Pizzo il 18 marzo 2004 lungo via Nazionale.

LEGGI ANCHE: Inchiesta Maestrale: i rapporti con l’ex presidente della Provincia di Vibo e i tentativi di avvicinarlo

Narcotraffico: processo Replay a Roma, condannati anche Accorinti e Bonavota

Rinascita Scott, Pasquale Bonavota: «Volevo suicidarmi, ma non ho avuto il coraggio»

‘Ndrangheta: trovate due foto di Pasquale Bonavota in abiti clericali e in compagnia di un prelato

top