lunedì,Giugno 17 2024

Luce sull’omicidio di Maria Chindamo, il fratello: «Oggi l’aria profuma di giustizia»

Vincenzo Chindamo dopo quanto emerso dall’inchiesta Maestrale Carthago: «Non ho mai smesso di credere nell'operato della magistratura»

Luce sull’omicidio di Maria Chindamo, il fratello: «Oggi l’aria profuma di giustizia»

«Oggi l’aria ha il profumo della giustizia». Lo ha detto Vincenzo Chindamo, fratello di Maria Chindamo, l’imprenditrice scomparsa il 6 maggio del 2016 a Limbadi (Vibo Valentia) e della quale l’inchiesta “Maestrale-Carthago”, condotta dalla Dda di Catanzaro, ha accertato l’uccisione. «Aspettiamo di leggere attentamente gli atti di questo segmento di indagine – ha aggiunto Chindamo – ma un dato mi preme subito rilevare: avere perseguito per tutti questi anni la ricerca della verità sull’uccisione di mia sorella alla fine ha dato risultati. Non ho mai smesso di credere nell’operato della magistratura, anche quando ci poteva essere qualche momento di sconforto. E quanto è emerso oggi premia quella perseveranza. Attendiamo adesso che anche l’ultima responsabilità a carico delle persone coinvolte nell’omicidio venga cristallizzata. E sono certo che alla fine anche questo avverrà, anche se ci vorrà del tempo. La ‘ndrangheta e la subcultura di ‘ndrangheta, se ancora fosse necessario ribadirlo, sono retrograde e perdenti, mentre la bellezza e il sorriso di Maria, pur tra le nuvole, splendono ancora».

LEGGI ANCHE: Maestrale-Carthago: luce pure sugli omicidi di Maria Chindamo e Angelo Corigliano

‘Ndrangheta: Maestrale-Carthago, in 52 ai domiciliari. Tra loro politici, sanitari e un avvocato

‘Ndrangheta: operazione Maestrale-Carthago, ecco i 29 arrestati in carcere – Foto

‘Ndrangheta: operazione Maestrale-Carthago, 81 arresti nel Vibonese – LIVE

Articoli correlati

top