Rinascita-Scott: dimora a Vibo per l’ex consigliere Lo Bianco

E’ indagato insieme all’ex assessore De Filippis ed al fratello Orazio per scambio elettorale politico-mafioso. E’ stato anche presidente pro tempore della Provincia
E’ indagato insieme all’ex assessore De Filippis ed al fratello Orazio per scambio elettorale politico-mafioso. E’ stato anche presidente pro tempore della Provincia
Informazione pubblicitaria
Nicola Gratteri in conferenza stampa per Rinascita-Scott

Obbligo di dimora a Vibo Valentia in sostituzione del precedente divieto di dimora nello stesso territorio comunale per l’ex consigliere comunale Alfredo Lo Bianco, 61 anni, di Vibo Valentia, coinvolto nell’inchiesta “Rinascita-Scott” per il reato di scambio elettorale politico-mafioso. E’ quanto deciso dal gip distrettuale di Catanzaro, Barbara Saccà. Lo Bianco è difeso dall’avvocato Stefano Luciano. Il precedente divieto di dimora a Vibo Valentia – deciso il 20 marzo scorso ed ora revocato con l’obbligo di dimora – era arrivato in piena emergenza coronavirus su tutto il territorio nazionale quando è di certo più difficoltoso trovare un alloggio fuori dai confini del proprio comune, attese anche le restrizioni anti-covid19 che limitano gli spostamenti da un comune ad un altro. [Continua dopo la pubblicità]

Orazio Lo Bianco

Alfredo Lo Bianco ed il fratello Orazio (quest’ultimo attualmente detenuto) sono in particolare indagati poiché in occasione delle consultazioni elettorali per l’elezione dell’amministrazione comunale di Vibo Valentia, tenutesi il 31 maggio 2015 ed alle quali il medesimo era candidato alla carica di consigliere comunale, avrebbe stretto un accordo con il fratello Orazio Lo Bianco che prevedeva da una parte l’impegno di quest’ultimo al procacciamento di voti in favore del fratello candidato e d’altro lato la promessa da parte di Alfredo Lo Bianco di impegnarsi per procurare un impiego lavorativo in favore di Michele Lo Bianco, figlio di Orazio Lo Bianco, nonché nel mantenersi a disposizione per le questioni di competenza dell’amministrazione comunale di interesse di quest’ultimo e di terzi che ne facevano richiesta. Per tale capo di imputazione già il gip aveva escluso le esigenze cautelari.  

Vincenzo De Filippis, candidato con Civica popolare
Vincenzo De Filippis

Diverso invece il discorso per altra contestazione sempre relativa al reato di scambio elettorale politico-mafioso. In questo caso, l’accusa viene mossa ad Alfredo Lo Bianco, suo fratello Orazio Lo Bianco, 46 anni, di Vibo Valentia, e Vincenzo De Filippis, 49 anni, di Vibo Valentia, già consigliere comunale a Vibo Valentia dal 2010 al 2015 con il Pdl, già assessore comunale all’Ambiente nella giunta guidata dal sindaco Elio Costa e candidato alle Politiche del 4 marzo 2018 con la lista “Civica popolare” di Beatrice Lorenzin, alleata del Partito democratico. Secondo l’accusa, Vincenzo De Filippis – quale candidato alla Camera dei Deputati in occasione delle consultazioni elettorali tenutesi in data 4 marzo 2018 ed allo stesso tempo insegnante all’Istituto Superiore Professionale “De Filippis – Prestia” di Vibo – unitamente ad Orazio Lo Bianco quale esponente del locale di ‘ndrangheta di Vibo ed in particolare della ‘ndrina detta dei “Cassarola” – per il tramite di Alfredo Lo Bianco – all’epoca consigliere comunale – avrebbero stretto un patto che prevedeva la promessa da parte di Orazio Lo Bianco di procurare voti per conto del candidato  De Filippis. Quest’ultimo avrebbe promesso di prodigarsi affinché Luigi Lo Bianco, figlio di Orazio Lo Bianco (fratello di Alfredo), venisse iscritto nella classe in cui insegnava De Filippis quale docente e, quindi, promosso al termine dell’anno scolastico. Le contestazioni sono aggravata dalle finalità mafiose, cioè dal voler favorire il clan Lo Bianco. Alfredo Lo Bianco ed Orazio Lo Bianco sono i nipoti del defunto Francesco Fortuna, alias “Ciccio Pomodoro”, ritenuto alla guida del clan Lo Bianco ed ucciso a Pizzo nel 1988. Anche per Vincenzo De Filippis il gip ha disposto ora l’obbligo di dimora nel comune di Vibo Valentia.

Alfredo Lo Bianco

Consigliere comunale di Vibo del Pd (sospeso dal partito dopo l’arresto), Alfredo Lo Bianco è stato eletto per la prima volta in Consiglio nel 2015 in una lista a sostegno del candidato a sindaco Elio Costa, e quindi rieletto nel maggio dello scorso anno sostenendo a primo cittadino Stefano Luciano, al quale risulta politicamente vicino tanto da transitare anche lui nei mesi scorsi nel Partito democratico unitamente a Luciano. Già vicepresidente della Provincia di Vibo Valentia, è stato anche presidente nel periodo di reggenza dell’ente fra la caduta di Andrea Niglia e la nuova elezione di Salvatore Solano.

LEGGI ANCHE: Rinascita-Scott: obbligo dimora per ex assessore di Vibo De Filippis

Rinascita-Scott: spara alla fidanzata ed all’amica, scarcerato