martedì,Aprile 23 2024

Armi e munizioni, confermato l’arresto dei fratelli Loielo

Rinaldo e Valerio si sono detti estranei al ritrovamento di un fucile e una pistola nella loro proprietà effettuato dai carabinieri in seguito al secondo agguato di Ariola.

Armi e munizioni, confermato l’arresto dei fratelli Loielo

Restano in carcere Rinaldo e Valerio Loielo, i due fratelli arrestati sabato nel corso dei controlli seguiti all’agguato del 5 novembre scorso compiuto da ignoti, ad Ariola di Gerocarne, all’indirizzo dello stesso Valerio e di altri congiunti che viaggiavano con lui a bordo di una Fiat 500.

Nuovo agguato nelle Preserre, ancora sotto tiro i Loielo

Il giudice Anna Rombolà ha infatti confermato la misura restrittiva ravvisando la gravità indiziaria a carico degli stessi, trovati in possesso, in una porcilaia attigua alla loro abitazione, di un fucile calibro 12 e di una pistola 357 Magnum con relativo munizionamento.

Agguato di Ariola, rinvenute armi in casa Loielo

Entrambi, assistiti dagli avvocati Domenico Ioppolo e Salvatore Staiano (sostituito dal collega Bruno Ganino), si sono detti estranei al ritrovamento delle armi ad opera dei militari della Compagnia di Serra, della Stazione di Soriano e del comando provinciale. Armi che sono state poi inviate al Ris di Messina per le opportune verifiche.

Articoli correlati

top