Incidente stradale: si è spenta in ospedale l’avvocato Turcaloro

La stimata penalista del foro di Vibo era ricoverata a Catanzaro dopo un ematoma cerebrale. Era anche il legale della famiglia di Filippo Ceravolo, vittima di mafia

La stimata penalista del foro di Vibo era ricoverata a Catanzaro dopo un ematoma cerebrale. Era anche il legale della famiglia di Filippo Ceravolo, vittima di mafia

Informazione pubblicitaria

Si è spenta nell’ospedale di Catanzaro, l’avvocato Maria Rosaria Turcaloro, 45 anni, penalista residente a Soriano Calabro, paese nel quale il 23 maggio scorso ha avuto un incidente stradale andando a sbattere con la sua auto contro un muro in cemento armato. L’avvocato, che si trovava ricoverata in Rianimazione a Catanzaro dopo essere stata estratta dall’auto, era stata trasferita in un primo momento al Pronto Soccorso dell’ospedale di Vibo Valentia.

Dopo essere uscita dalla sala raggi aveva avvertito un malore per via di un ematoma cerebrale. Immediata la corsa verso l’ospedale di Catanzaro dove era stata operata per la riduzione della massa di sangue alla testa. Maria Rosaria Turcaloro era uno degli avvocati più apprezzati del Foro di Vibo Valentia. Da ultimo era anche il legale dei familiari di Filippo Ceravolo, il giovane 19enne vittima di mafia ucciso per errore la sera del 25 ottobre 2012.

In tanti, fra colleghi, amici e quanti hanno avuto la fortuna di conoscerla, per ben due settimane e sino a ieri hanno pregato per lei, lasciando anche degli affettuosi messaggi sulla sua bacheca facebook. Maria Rosaria è purtroppo volata in cielo troppo presto. Un vuoto incolmabile per una tragedia che nessuno poteva prevedere.