Munizioni sul pianerottolo di casa, assolto 42enne di Vibo

I giudici accolgono i rilievi dei difensori. L’ufficio di Procura aveva chiesto la condanna dell’imputato

I giudici accolgono i rilievi dei difensori. L’ufficio di Procura aveva chiesto la condanna dell’imputato

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il Tribunale Collegiale di Vibo Valentia, presieduto da Lucia Monaco, a latere i giudici Graziamaria Monaco e Pia Sordetti, ha assolto Michele Lo Bianco, 42 anni, di Vibo Valentia, dal reato di detenzione di parti di armi da guerra. Il pm, al termine della requisitoria, aveva chiesto la condanna dell’imputato – difeso dagli avvocati Giuseppe Pasquino ed Enzo Gennaro – alla pena a due anni di reclusione.

Informazione pubblicitaria

Sul pianerottolo dell’abitazione di Michele Lo Bianco, le forze dell’ordine avevano trovato un borsone con dentro: un caricatore per fucile Kalashinikov, 29 munizioni per fucile Ak, 18 munizioni calibro 7,69, 100 munizioni calibro 9×21, 42 munizioni calibro 38 special, 58 munizioni calibro 45.

La difesa è però riuscita a dimostrare che le munizioni non appartenevano a Michele Lo Bianco e da qui l’assoluzione da parte dei giudici dopo la camera di consiglio.