Processo a don Santaguida e Cannizzaro, discussa la ricusazione dei giudici di Vibo

L’istanza è stata presentata alla Corte d’Appello di Catanzaro dai difensori dei due imputati coinvolti nell’operazione “Romanzo criminale”

L’istanza è stata presentata alla Corte d’Appello di Catanzaro dai difensori dei due imputati coinvolti nell’operazione “Romanzo criminale”

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

E’ stata discussa oggi dinanzi alla Corte d’Appello di Catanzaro l’istanza di ricusazione e richiesta di astensione nei confronti dei componenti del Tribunale collegiale di Vibo Valentia presieduto dal giudice Lucia Monaco, con a latere i giudici Giovanna Taricco e Pia Sordetti. A discuterla è stato l’avvocato Enzo Galeota per don Salvatore Santaguida e l’avvocato Aldo Ferraro per l’ex comandante della Stazione dei carabinieri di Sant’Onofrio, Sebastiano Cannizzaro, sotto processo per concorso esterno in associazione mafiosa nell’ambito dell’operazione antimafia denominata “Romanzo criminale”, già andata a sentenza nei confronti di altri 9 imputati.

Informazione pubblicitaria

Le ragioni della ricusazione. L’8 settembre scorso, il Tribunale di Vibo Valentia ha depositato le motivazioni della sentenza di condanna nei confronti dei Patania e dalla stessa si può leggere che è stato chiaramente anticipato un giudizio di colpevolezza nei confronti di Cannizzaro e Santaguida. Nelle motivazioni si sottolinea infatti la piena attendibilità dei collaboratori di giustizia Loredana Patania e Dnaiele Bono che hanno descritto la genesi e l’operatività del gruppo mafioso, soffermandosi con dettaglio sulle condotte ascritte a don Salvatore Santaguida ed al maresciallo Sebastiano Cannizzaro. Costoro, a loro dire, avrebbero informato Pino Patania della presenza di una microspia installata a bordo della vettura Renault Clio; della imminente effettuazione di una perquisizione al fine di consentire l’occultamento delle armi custodite nelle rispettive abitazioni; nonché riferito ai vertici dell’associazione degli intestatari delle vetture ritenute sospette”.

Nelle motivazioni della sentenza, scritta dai giudici del Tribunale collegiale di Vibo, si legge inoltre che “la cosca Patania ha tratto giovamento dalla complicità di persone appartenenti alle istituzioni infedeli alla loro missione, laica o religiosa”. Pino Patania è stato infine condannato per aver ricoperto “all’interno della consorteria il ruolo di assicurare il canale di comunicazione tra la ‘ndrina e le figure istituzionali, il parroco Salvatore Santaguida e per il tramite di costui il maresciallo Sebastiano Cannizzaro”.

Per i legali di Cannizzaro e Santaguida è dunque del tutto evidente che i componenti del Tribunale collegiale di Vibo Valentia hanno espresso una valutazione che appare connotata dal requisito di essenzialità nel delineare l’operatività della cosca mafiosa, il ruolo dei singoli imputati ed il contributo prestato da ciascuno di costoro, rendendo evidente la ricorrenza di un innegabile pregiudizio verso la possibile prosecuzione del giudizio nei confronti di Cannizzaro e Santaguida.

La Corte d’Appello si è riservata la decisione.

‘Ndrangheta: processo “Gringia”, chiesti 10 ergastoli per il clan Patania

‘Ndrangheta: “Romanzo criminale”, ecco i motivi della sentenza contro il clan Patania

‘Ndrangheta: “Romanzo criminale” a Vibo, ecco la sentenza per il clan Patania

‘Ndrangheta: colpo di scena in “Romanzo criminale” a Vibo, stralciate le posizioni di prete e maresciallo

‘Ndrangheta: “Romanzo criminale”, la deposizione in aula a Vibo del maresciallo Cannizzaro

Processo “Romanzo criminale” a Vibo: tre condanne per i Patania

‘Ndrangheta: omicidio Matina a Stefanaconi, tre ergastoli per i Patania

Omicidio Penna a Stefanaconi, la Cassazione: “Ecco perché è stato ucciso”