lunedì,Luglio 22 2024

Polo Museale di Soriano, lectio magistralis sulla tradizione artistica del presepe

A tenere la lezione è stato l'architetto e storico Mario Panarello, presidente onorario dei musei sorianesi

Polo Museale di Soriano, lectio magistralis sulla tradizione artistica del presepe
Polo museale di Soriano, foto dalla pagina social dell'ente
Mario Panarello

Nella Pinacoteca “Filippo Ceravolo” del Polo Museale di Soriano Calabro, si è tenuta la lectio magistralis “Per la gloria di Dio: angeli, pastori e magi nella tradizione artistica del presepe in Calabria” del professore Mario Panarello, architetto e storico dell’arte nonché presidente onorario dei musei sorianesi. La conferenza è stata introdotta da Mariangela Preta, direttrice del Polo Museale, che ha spiegato come “la natività e l’adorazione dei magi diventeranno, a partire dal IV secolo, due dei temi più ricorrenti dell’arte religiosa”. Presenti all’evento la Pro Loco cittadina e gli studenti del liceo scientifico “Niccolò Machiavelli”. “In Calabria la tradizione del presepe – ha spiegato Mario Panarello- è caratterizzata da simbologie che testimoniano la memoria del Paese; numerosi gli esempi di questa arte, molti dei quali, assoluti capolavori, sono custoditi nel Museo del Folclore di Palmi”. [Continua in basso]

Mario Panarello e Mariangela Preta

“Ma accanto a queste espressioni della religiosità popolare, nelle chiese della regione e nei musei troviamo raffigurazioni colte – ha proseguito lo storico Panarello – dovute a pittori come Cristofaro Santanna, Giuseppe Schifino, Francesco Saverio Mergalo, ma anche Corrado Giaquinto, Stefano Liguoro e altri ignoti autori meridionali, mentre le tele relative a questi soggetti dipinte dal maggiore pittore calabrese, Mattia Preti, purtroppo si trovano all’estero così come quelle dell’altro pittore calabrese di Stignano, Francesco Cozza. Durante il convegno, il professor Panarello ha fatto vedere una serie di opere dipinte come l’Adorazione dei pastori, del pugliese Corrado Giaquinto, un bel bozzetto preparatorio per l’omonima tela di Terlizzi, realizzato alla fine del 1750, che presenta spiccate tendenze neo-classicistiche e neo- correggesche. E ancora alcune immagini del Museo Diocesano di Catanzaro, dove si può ammirare una Natività del vibonese Francesco Saverio Mergalo. “Tra le diverse opere ispirate a questi soggetti – ha concluso Panarello – ricordiamo ancora l’Adorazione dei Magi, nella Chiesa della Maddalena, a Morano Calabro, di Giuseppe Schifino (1580- 1640) e l’Adorazione dei pastori di Giovanni Battista Colimodio (attivo nella prima metà del Seicento), sempre a Morano, nella Chiesa di San Pietro”. Nella Pinacoteca di Soriano Calabro, attraverso la lezione dello storico “si è svolto un viaggio artistico – ha concluso la direttrice del Polo Museale, Mariangela Preta – che ha percorso tutta la regione attraverso le testimonianze di un tema sentito, che ripropone con diverse varianti uno schema canonico che simboleggia  la devozione popolare”.

LEGGI ANCHE : Soriano, al Polo Museale verrà esposta un’opera del celebre artista Giuseppe Renda

La direttrice del Polo Museale di Soriano vince in Sicilia il premio “Franz Buda”

Tutto pronto a Soriano Calabro per il presepe vivente “Magnificat anima mea”

Articoli correlati

top