mercoledì,Febbraio 21 2024

Concorso EpliBriamoci, sul podio anche la studentessa Rossella Varone di Pizzoni

Il progetto nasce per avvicinare i giovani alla cultura e promuovere le buone pratiche legate alla lettura ed alla scrittura. La cerimonia di premiazione tenuta alla Cittadella regionale

Concorso EpliBriamoci, sul podio anche la studentessa Rossella Varone di Pizzoni

Rossella Varone, studentessa della classe III A della scuola secondaria di Pizzoni, ha conquistato il secondo posto nell’ambito del concorso nazionale e regionale EpliBriamoci ’23. Il contest, bandito dall’Ente pro loco italiane Epli, ha coinvolto tantissimi alunni che si sono cimentati nell’elaborazione di uno scritto seguendo il tema “Le urla che arrivano dal mare. Come integrare culture diverse”. Un argomento molto sentito anche per quanto vissuto dalla Calabria e dalle comunità locali a seguito del tragico naufragio di Cutro, costato la vita a decine e decine di migranti tra cui anche diversi bambini. [Continua in basso]

La cerimonia di premiazione si è tenuta nella sala verde della Cittadella regionale di Catanzaro. Presenti Eleonora Rombolà, dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo di Vallelonga – plesso di Pizzoni – e numerose personalità politiche e dell’Ufficio scolastico regionale e dei rappresentanti dell’Epli nazionale e calabrese. “Eplibriamoci” rientra, oltre che per la Giornata mondiale Unesco del Libro e del diritto d’autore anche nella programmazione Epli del mese del maggio dei libri del Centro per il libro e la lettura. L’iniziativa mira ad avvicinare i giovani alla cultura e promuovere le buone pratiche legate in particolar modo alla lettura ed alla scrittura.  A vincere il titolo nazionale, Giovanna Maria Tancredi, dell’istituto Ic Rende Centro, Cosenza. Vincitore regionale, Giovanni Montoro, dell’istituto comprensivo di San Fili. Secondo classificato, invece, la studentessa Varone. Menzione speciale a Viola Bonasso dell’istituto Fratelli Bandiera di San Giovanni in Fiore. I premiati hanno ricevuto in dono un’opera realizzata dal maestro orafo Michele Affidato.

LEGGI ANCHE: Torna a Gioia Tauro la statua della Madonna restaurata dallo scultore di Zungri Gaudioso

Articoli correlati

top