sabato,Giugno 12 2021

Zungri, “La Città di Pietra” torna a nuova vita: ecco le tutte le iniziative del 2017 (VIDEO)

Continua l’opera di promozione del sito rupestre della “Valle degli Sbariati”. Molteplici eventi pensati per la rinascita dell’economia locale e l’incremento dell'attrattiva turistica. Avanzata la proposta di candidare il sito a Patrimonio dell'Umanità Unesco

Zungri, “La Città di Pietra” torna a nuova vita: ecco le tutte le iniziative del 2017 (VIDEO)

S’intensifica la sinergia tra le associazioni e il Comune di Zungri a favore della promozione del sito rupestre della “Città di Pietra”. La Valle degli Sbariati, grazie all’intenso lavoro dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Franco Galati e del responsabile del Museo della civiltà rupestre e contadina Maria Caterina Pietropaolo, sta divenendo un punto di riferimento per i turisti quanto per la comunità locale.

Nella sala consiliare del Comune è stato presentato il nuovo cartellone degli eventi, nato anche grazie alla collaborazione con il Touring Club italiano, rappresentato dal console Giovanni Bianco. Altre presenze significative nell’iniziativa moderata dal giornalista Maurizio Bonanno: Giovanni De Pascali, nuovo coordinatore responsabile per gli eventi socio-culturale nell’area archeologica nonché presidente Art Contest (partecipe anche il direttore artistico Caterina Rizzo); Luigi Manna, speleologo e il Gruppo Scout di Vibo 2.

Il console Touring club italiano, Bianco ha motivato la scelta di impegnarsi a favore del sito «Nella storia del sodalizio che – ha spiegato – ha sempre attenzionato il territorio nei suoi beni materiali e immateriali, per il recupero e la custodia degli stessi finalizzato alla fruibilità e alla valorizzazione dell’esistente». Ha quindi parlato di turismo come “pubblicizzazione del territorio”, inserito in un percorso tra storie, tradizioni locali e curiosità che lo rendono “appetibile”. A ciò si connettono concetti quali “slow tourism”, turismo lento e “turismo tutto l’anno”, non solo nella stagione estiva. Il console ha proposto di inserire la cittadina nel programma “Bandiere Arancioni”. In questa iniziativa possono candidarsi quei comuni dell’entroterra che non hanno nel proprio territorio tratti costieri e con meno di 15.000 abitanti. Zungri potrebbe quindi candidarsi per una prima valutazione.

E nell’ottica del futuro e dei buoni propositi, il Touring ha proposto di candidare, per tramite l’Unesco, il sito degli Sbariati a Patrimonio dell’Umanità.

Nel corso della conferenza sono stati poi illustrati gli impegni già calendarizzati:

Marzo si apre con l’alternanza scuola-lavoro con il liceo statale “Capialbi” di Vibo Valentia, l’Istituto tecnico per geometri e l’Istituto tecnico industriale.

Il 6 maggio è poi prevista la manifestazione culturale “Le invasioni digitali” in collaborazione dall’Associazione culturale “Cosi mali”, a cui aderiranno molte associazioni, tra cui il Fai di Vibo Valentia.

Maggio sarà anche il mese dedicato al Campo speleologico, con l’ Associazione “Cadinipuli” e l’ingegnere Manna. La campagna sarà indirizzata alla ricerca, censimento, documentazione e studio delle cavità artificiali ubicate nel territorio di pertinenza del Comune di Zungri.

La seconda edizione di “Stone”, poi, come illustrato da De Pascali, cercherà di far rivivere la vita nelle grotte: «Un esperimento antropologico – ha commentato – che verrà affrontato nel corso di apposita conferenza all’interno del sito». Contestualmente si promuoverà il premio di poesia dedicato alla figura ottocentesca del cantore calabrese Vincenzo Ammirà.

L’evento “Ambrosia, il cibo degli dei” sarà invece concentrato sui prodotti dell’enogastronomia locale.

Infine il 5 novembre, Zungri sarà la tappa conclusiva dei raduni regionali itineranti in mountain bike “Onda d’urto”, organizzata dall’Associazione sportiva “Bicinsieme paesaggi in movimento di San Costantino Calabro”. Il presidente Raffaele Mancuso, già da tempo impegnato nella valorizzazione dell’area, ha inteso far conoscere a tutto il movimento “Onda D’urto” le bellezze nascoste del Vibonese.

A queste date andranno infine ad aggiungersi eventi ah hoc per il coinvolgimento di scuole, studiosi, appassionati di fotografia.

Articoli correlati

top