A Verbicaro una mostra dell’artista vibonese Sara Grillo

La pittrice di Soriano Calabro pone al centro dell’evento in programma l’8 marzo la donna ed il suo ruolo nella società
La pittrice di Soriano Calabro pone al centro dell’evento in programma l’8 marzo la donna ed il suo ruolo nella società
Informazione pubblicitaria
La pittrice Sara Grillo
Informazione pubblicitaria

Dalle Serre vibonesi al borgo di Verbicaro, in provincia di Cosenza. L’arte viaggia per declinarsi nelle sue innumerevoli sfaccettature. In occasione della festa della donna, l’8 marzo, viene promosso l’evento “Cerchio di donne”, l’importanza dell’arte nel benessere. La kermesse prevede una mostra di pittura, dibattiti e focus sulla fotografia. Un evento contenitore, quello in programma a palazzo Cavalcanti, che vede tra i protagonisti un’artista vibonese: Sara Grillo. [Continua dopo la pubblicità]

Informazione pubblicitaria

La pittrice, originaria di Soriano Calabro, vive da tempo nel centro cosentino. La sua arte non passa inosservata grazie alla sensualità delle figure rappresentate. Capelli lunghi, collane, elementi dorati e tele dai toni del rosso e dell’arancio. Ma anche lavori dai delicati toni pastello che risaltano gli sguardi. Ogni tela, un vero e proprio viaggio nel colore e nell’animo. L’artista realizza con frequenza dei laboratori di pittura creativa capaci di unire la musica all’arte. Dalla meditazione all’uso del pennello: «Ciò che viene fuori – spiega – non lo stabiliamo a priori con la mente razionale ma sono contenuti inconsci. Possono essere ombre o risorse, traumi che si risolvono o talenti che vogliono venire fuori ed essere rappresentati». Sara Grillo parla dell’importanza della pittura intesa come espressione terapeutica: «È un processo di elaborazione di traumi e memorie che avviene eludendo la parte razionale».

Sara Grillo accanto ad una sua opera

La pittrice vibonese sta lavorando inoltre al progetto “Ruga ad arte” per la valorizzazione dei borghi antichi attraverso il riciclo di materiali che diventano arte. In occasione dell’8 marzo ha scelto di porre all’attenzione del pubblico la sua “Protesta d’arte per i diritti delle donne“. Una ricerca per valorizzare il ruolo femminile all’interno della società nella sua costante evoluzione e nella ricerca di cambiamento. 

L’appuntamento “Cerchio di donne”, con l’associazione “Curandera” da lei presieduta, prevede la sinergia di altri sodalizi del territorio: “La casa degli artisti” e le associazioni “Biancaluna”, “Aurora” e “Artepiù”.