Musica e solidarietà con il concerto di beneficenza della corale “In-Canto” (VIDEO)

La formazione femminile si è esibita nella sala conferenze della Biblioteca comunale su iniziativa dell’associazione “L’Isola che non c’è” e del Comune di Vibo Valentia

La formazione femminile si è esibita nella sala conferenze della Biblioteca comunale su iniziativa dell’associazione “L’Isola che non c’è” e del Comune di Vibo Valentia

Informazione pubblicitaria
Un momento dell'esibizione della Corale
Informazione pubblicitaria

Dai canti di tradizione africana come Sifuni leo, passando per i più noti We wish you a Merry Christmas, Jingle bell rock, Happy Xmas, le sinfonie spagnole Nanita Nana e la storica Astro del ciel. Successo per il primo appuntamento del nuovo calendario 2018 della rassegna “Arte e artisti visti da vicino”, con protagonista la Corale polifonica femminile “In-Canto”. L’evento, realizzato nella sala conferenze della Biblioteca comunale, è frutto del lavoro portato avanti dall’associazione culturale “L’Isola che non c’è” e Comune di Vibo Valentia.

Informazione pubblicitaria

Il concerto ha rinsaldato il legame instaurato nei mesi scorsi ed è stato un modo per celebrare il Natale. Un momento particolare per la corale che, proprio nel periodo natalizio, otto anni fa, ha avviato la sua straordinaria avventura nel mondo della musica: «In tutti questi anni – ha precisato il maestro Raffaela Riga – il Natale è stato un momento in cui portare il nostro lavoro al pubblico. Il risultato delle attività frutto di studio, dello stare insieme, della crescita in numeri e formazione».

Una testimonianza positiva in una terra poco abituata alla bellezza: «Per noi è stato un anno particolare – ha aggiunto il maestro – nonostante la  mancanza di un ritrovarsi ordinato e sistematico come in passato, nella Corale è stato forte il desiderio, anche se con tante difficoltà, di ritrovarsi in questo nuovo percorso che quasi delinea questi sentimenti con brani vecchi, brani nuovi, brani in lingua italiana  della tradizione, quasi ad indicarci un ritorno con nostalgia a casa». L’intento, condiviso dal sodalizio vibonese, è stato quello di portare un piccolo semino di speranza e gioia. E l’obiettivo, grazie anche alle qualità musicali del maestro e pianista Francesco Silvestri, è stato ampiamente raggiunto.

La performance – aperta con l’augurio da parte dell’amministrazione comunale rappresentata dal vice sindaco Raimondo Bellantoni – è stata infatti eseguita in una gremita e attenta sala, alla presenza di un pubblico diversificato. La serata ha segnato un particolare momento storico anche per “L’Isola che non c’è” che s’appresta a intraprendere il 2018 con una inaspettata novità: «Per impegni professionali – ha dichiarato il presidente Titti Marzano – dal prossimo evento presenzierà il vice Giuseppe Pagnotta. La mia posizione è attualmente sospesa, rimarrò in qualità di volontaria. Questa serata è stata un vero dono per tutti noi».