martedì,Settembre 26 2023

Biblioteca comunale di Vibo: ecco chi gestirà le attività culturali della struttura e cosa sarà organizzato

La giunta comunale del capoluogo ha concesso a titolo non oneroso gli spazi dell’immobile di via Palach per la durata di un anno (novembre 2022-novembre 2023)

Biblioteca comunale di Vibo: ecco chi gestirà le attività culturali della struttura e cosa sarà organizzato
L'ingresso della biblioteca comunale di via Palach

Sarà l’associazione “Agrodolce” a curare ancora le attività culturali all’interno della Biblioteca comunale di Vibo Valentia. Lo ha deciso la giunta comunale del capoluogo che ha nuovamente concesso – tramite l’approvazione di una delibera – a titolo non oneroso gli spazi della struttura via Palach per lo svolgimento delle attività culturali al suddetto sodalizio per la durata di un anno (novembre 2022-novembre 2023) a decorrere dalla data di adozione del presente atto deliberativo. In particolare, saranno organizzate letture animate per promuovere la lettura per l’infanzia, laboratori artistici, gruppi di lettura, laboratori di scrittura creativa, lezioni di cucito, laboratori teatrali per bambini,  laboratori di teatro terapia, laboratori di disegno, lezioni di yoga. 

Nell’atto deliberativo licenziato dall’esecutivo di Palazzo Luigi Razza viene precisato che «per l’ottimizzazione gestionale delle attività culturali l’ente locale può definire una specifica programmazione, rapportata agli obiettivi delineati nel Peg (Piano esecutivo di gestione) ed in accordo con quanto previsto dal vigente quadro normativo in materia di programmazione culturale» e che «in base al sistema definito dalla sopracitata disposizione, possono comunque essere svolte manifestazioni, mostre ed altre attività culturali, anche se non inserite nel calendario medesimo». E ancora: «L’organizzazione e la gestione di attività culturali rientrano nel complesso delle funzioni istituzionalmente svolte dal Comune e da questo delineate attraverso specifici programmi». [Continua in basso]

«L’associazione “Agrodolce” persegue nelle sue attività gli obiettivi dell’ente»

La biblioteca comunale

Considerato, pertanto, che «tradizionalmente il Comune organizza iniziative finalizzate a promuovere la fruizione dei beni culturali da esso/a direttamente gestiti, valorizzare i siti con rilevante patrimonio culturale presenti sul territorio ed a realizzare attività culturali qualificate rivolte alla comunità locale, coinvolgenti altri soggetti pubblici e soggetti privati», l’amministrazione annota nella delibera che «tali iniziative possono essere utilmente razionalizzate nell’ambito di una programmazione coerente con quella definita da altri soggetti istituzionali (Stato, Regione, Provincia e Comuni) e che  una simile configurazione non pregiudica l’autonomia del Comune nelle scelte in ambito culturale e  nella realizzazione di iniziative, interventi, progettualità ulteriori. La realizzazione delle iniziative inserite nel programma  – è scritto sempre nella delibera di giunta – potrà poi aversi anche con il coinvolgimento e la collaborazione di associazioni riconosciute, altri Comuni, della Provincia, della Regione e dello Stato, al fine di consentire l’attuazione di forme di cooperazione strutturali e funzionali tra i differenti livelli istituzionali».

Nella delibera, infine, a sostegno della propri scelta, la giunta fa poi riferimento al dossier di Vibo Capitale del Libro, dove il punto 7 recita: “Miglioramento e aggiornamento delle raccolte librarie delle due biblioteche pubbliche cittadine, allungamento dei tempi di apertura, sostegno  alle loro iniziative di promozione della lettura”, mentre il punto 12 precisa: “Sostenere e incentivare le attività delle  biblioteche pubbliche della città affinché diventino sempre più luoghi di socialità e di inclusione sociale  (corsi di lingue, corsi di informatica, laboratori per bambini e adolescenti, cantieri creativi per adolescenti  sul modello Sala Borsa di Bologna)….”».  Da qui, dunque, poiché «l’associazione “Agrodolce” persegue nelle attività presentate tali obiettivi», la scelta dell’amministrazione comunale di rinnovare la concessione degli spazi della Biblioteca comunale, così come peraltro richiesto formalmente dai vertici del sodalizio.

LEGGI ANCHE: Al Comune di Vibo 3 milioni per la sicurezza stradale e si punta a ridisegnare viale Affaccio – Video

Ex Convento dei Gesuiti a Vibo, serve rendicontare i lavori o c’è la revoca dei fondi: ecco la scadenza

Stadio “Razza”, l’Agenzia del demanio trasferisce la proprietà al Comune di Vibo

Vibo, ripresi i lavori in Piazza Spogliatore: lo stop per una perizia. Tempi di consegna allungati

Articoli correlati

top