giovedì,Giugno 17 2021

Covid, si viaggia verso la zona bianca e l’addio alle mascherine all’aperto

Per il ponte del 2 giugno Federalberghi calcola che saranno 9 milioni gli italiani che si sposteranno e non mancano prenotazioni anche per le località turistiche del Vibonese

Covid, si viaggia verso la zona bianca e l’addio alle mascherine all’aperto
Tropea ed una delle sue spiagge

Si va verso l’addio delle mascherine all’aperto. Con l’arrivo dell’estate, il 21 giugno, l’Italia potrebbe infatti essere tutta in zona bianca. I dati del monitoraggio settimanale confermano il calo della diffusione del virus e per la prima volta, se mantenuti nelle prossime tre settimane, indicano una data certa nella quale tutto il Paese sarà libero dalle restrizioni che vanno ormai avanti dal mese di ottobre.
Dopo mesi, l’incidenza è sotto i 50 casi ogni 100mila abitanti (è a 47). Tutto ciò significa che i sistemi sanitari sono in grado di effettuare un tracciamento efficiente dei casi e dei loro contatti, contenendo così il diffondersi del coronavirus. La pressione sui servizi ospedalieri è quindi ben al di sotto della soglia critica in tutta Italia (14% di posti occupati in area medica e 15% in terapia intensiva) e tutte le regioni hanno un rischio basso. Da lunedì vanno in zona bianca il Molise, la Sardegna ed il Friuli Venezia Giulia, regioni nelle quali non ci sarà più il coprifuoco e potranno così riaprire tutte le attività la cui ripartenza era prevista tra il 1 giugno e il 1 luglio: ristoranti e bar al chiuso, matrimoni, fiere, parchi, convegni, congressi, piscine al chiuso, centri termali, sale giochi, bingo, centri ricreativi e sociali, corsi di formazione pubblici e privati, competizioni sportive al chiuso. Restano invece sospese le attività delle discoteche e delle sale da ballo.

Il ponte del 2 giugno

Nel primo vero ponte – quello del 2 giugno – con l’Italia intera in movimento, si prevedono spostamenti anche verso le località di mare del Vibonese. In tal senso non mancano le prenotazioni, da Pizzo a Tropea sino a Zambrone, Parghelia e Capo Vaticano. Tale ultimo comprensorio punta ad essere Covid free con la sottoposizione a vaccinazione di tutto il personale che opererà nelle strutture ricettive. Si calcola – secondo le stime di Federalberghi – che saranno almeno 9 milioni gli italiani che approfitteranno della festa della Repubblica per concedersi qualche giorno di vacanza. La Calabria resterà in ogni caso sino al 14 giugno zona gialla unitamente a Basilicata, Campania, Marche, Sicilia, Toscana e Valle d’Aosta e la provincia di Bolzano, che hanno oggi un’incidenza compresa tra i 79 casi della Valle d’Aosta e i 53 della Sicilia. Ma se il calo del virus continuerà ai ritmi delle ultime tre settimane, dal prossimo monitoraggio anche queste regioni avranno dati da zona bianca e, dunque, lo saranno dal 21 giugno.

LEGGI ANCHE: Turismo e vacanze, Capo Vaticano sarà area Covid free

Il mare di Tropea e quello di Capo Vaticano protagonisti del contest Nutella che premia i panorami italiani

Articoli correlati

top