sabato,Febbraio 24 2024

A Vazzano un bando per promuovere la nascita di nuove imprese: in campo 34mila euro

Le risorse potranno essere utilizzate anche per l'avvio di attività commerciali, artigianali e agricole. Ecco requisiti e come presentare domanda

A Vazzano un bando per promuovere la nascita di nuove imprese: in campo 34mila euro

Il Comune di Vazzano rende noti i termini del bando “Nuove idee d’impresa”, rientrante del Fondo comuni marginali. Si tratta di risorse stanziate con decreto del presidente del Consiglio dei ministri che ripartisce il Fondo per gli anni 2021-2023 al fine di favorire la coesione sociale e lo sviluppo economico nei paesi particolarmente colpiti dal fenomeno dello spopolamento e per i quali si riscontrano rilevanti carenze di attività per la ridotta offerta dei servizi materiali e immateriali alle persone e alle attività economiche nel rispetto della complementarità con la strategia nazionale per le aree interne. L’assegnazione annuale al Comune di Vazzano è pari a 34mila e 470 euro (ripartito in 5 contributi a fondo perduto pari ad euro 14.470,06 euro una nuova partita iva – 4 nuovi codici ateco max contributo 5.000 euro cadauno) e le risorse possono essere utilizzate anche per l’avvio di attività commerciali, artigianali e agricole. La nascita della nuova impresa – si fa rilevare – deve avvenire entro un mese dall’assegnazione del contributo finanziario. Le richieste dovranno pervenire entro il 23 maggio 2023 esclusivamente via pec all’indirizzo del Comune prot.vazzano@asmepec.it. [Continua in basso]

I requisiti

Comune di Vazzano

Sono ammessi al contributo i richiedenti che alla data di presentazione della domanda posseggano quanto segue:

  • godimento dei diritti civili e politici;
  • cittadinanza italiana, di un Paese dell’Unione Europea, ovvero, nei casi di cittadini non appartenenti all’Ue, il possesso di regolare permesso di soggiorno;
  • maggiore età;
  • residenza anagrafica nel Comune di Vazzano o impegno al successivo trasferimento della stessa nell’ipotesi di assegnazione della risorsa finanziaria;
  • non essere beneficiari di altre misure nazionali, europee o regionali finalizzate all’avvio di attività commerciali, artigianali, agricole;
  • non aver riportato condanne penali; non avere procedimenti pendenti in Italia e all’estero; non essere destinatario di provvedimenti che riguardino l’applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale.

Le spese ammesse

Una veduta di Vazzano
Una veduta di Vazzano

Rientrano fra le spese ammesse al finanziamento:

  • impianti generali e spese di ristrutturazione e manutenzione dei locali destinati allo svolgimento dell’attività;  acquisto immobile sede dell’attività;
  • macchinari e attrezzature;
  • spese per materiali di prova, realizzazione di prototipi e collaudi finali;
  • registrazione di brevetti internazionali;
  • infrastrutture di rete e collegamenti (incluse delle spese di software e hardware), consulenze ed altri servizi tecnologici e manageriali;
  • spese di gestione (materie prime, materiali di consumo, utenze, canoni di locazione, canoni leasing, garanzie assicurative);
  • spese progettazione e consulenze;
  • costo del personale dipendente secondo le diverse tipologie previste dalla legge, dedicato invia esclusiva all’elaborazione e allo sviluppo del progetto innovativo
  • azioni di marketing e comunicazione relative al progetto.

La presentazione della domanda

Alla domanda deve essere allegata la seguente documentazione:

  • certificato di residenza;
  • permesso di soggiorno;
  • formulario progettuale;
  • piano finanziario;
  • fotocopia leggibile del documento d’identità del richiedente in corso di validità.

LEGGI ANCHE: Nuove assunzioni alla “Baker Hughes Nuovo Pignone” di Vibo Marina

Articoli correlati

top