lunedì,Luglio 4 2022

Sviluppo rurale, promosso il Piano del Gal Terre vibonesi

Il dipartimento regionale Agricoltura ammette ai finanziamenti del Psr il progetto presentato dal nuovo Gruppo di azione locale. Papillo, sindaco del Comune capofila Gerocarne, commenta: «Ha vinto il territorio»

Sviluppo rurale, promosso il Piano del Gal Terre vibonesi

Nella cosiddetta “Guerra dei Gal” alla fine sembra averla spuntata l’“ultimo arrivato”. Ad aggiudicarsi il bando indetto dalla Regione Calabria relativamente ai Piani di sviluppo rurale (Psr) 2014-2020 è stato infatti il Piano di azione locale (Pal) presentato dal Gal Terre vibonesi, gruppo di azione locale nato su iniziativa di diversi amministratori che hanno eletto il Comune di Gerocarne quale Ente capofila della cordata.

Al Piano presentato dallo stesso Gal è stato infatti riconosciuto, attraverso il decreto firmato dal dirigente generale reggente del dipartimento n. 8 “Agricoltura e risorse agroalimentari” della Regione Calabria, Carmelo Salvino, il relativo finanziamento, “avendo conseguito in sede di valutazione il punteggio maggiore”.

Il Gal Terre vibonesi presenta il suo Piano, Papillo: «Programmazione fatta per il territorio» – VIDEO

Il Pal del “costituendo Gal Terre vibonesi”, capeggiato dal sindaco di Gerocarne Vitaliano Papillo e sostenuto da amministratori di estrazione politica trasversale, ha ottenuto un punteggio di 49 punti contro i 44 totalizzati dal Pal presentato dal Cogal Monte Poro Serre vibonesi, guidato dal presidente Paolo Pileggi.

Entrambi i soggetti concorrevano per l’area eleggibile n. 9, ovvero una delle 13 “aree omogenee” individuate nella regione. Entrambi hanno tuttavia ottenuto dalla Regione il «contributo relativo al sostegno preparatorio di cui alla misura 19.1 del Psr Calabria 2014-2020», ambito in cui ad ottenere il punteggio maggiore è stato il Cogal Monte Porto: 52 punti contro i 47 riconosciuti al Gal Terre vibonesi.

Guerra dei Gal, anche Confindustria “scarica” Pileggi

Si tratta di amministrare risorse destinate allo sviluppo dell’economia rurale, che ammontano ad un totale di 5,8 milioni di euro, attraverso le linee guida individuate dai progetti dei due gruppi di azione locale rispettivamente ammessi a finanziamento.

«È passato il nostro progetto – ha commentato a caldo il sindaco di Gerocarne Vitaliano Papillo -, il progetto del Gal Terre vibonesi: ha vinto il territorio. Ha vinto la buona politica, quella dei fatti che lavora in sinergia, ascolta i reali bisogni della gente e, a partire da questi, punta a saziare la grande voglia di riscatto».

La “Guerra dei Gal” finisce sotto la lente della Procura

top