sabato,Maggio 25 2024

Brattirò, la Compagnia teatrale “scalda i motori” per il prossimo spettacolo

Vent'anni di successi ed allegria per il gruppo messo in piedi dalla maestra (oramai in pensione) Domenica Pugliese. Ecco quando andranno in scena

Brattirò, la Compagnia teatrale “scalda i motori” per il prossimo spettacolo

Proseguono prove e preparativi per la messa in scena della commedia in vernacolo “U morto ‘nta casa”, ad opera della Compagnia teatrale di Brattirò. Una realtà brillante, composta da circa una decina di persone, che macina successi da oramai vent’anni, grazie all’idea di una donna che rappresenta uno dei pilastri della comunità locale. La maestra (oramai in pensione) e regista della Compagnia Domenica Pugliese (da tutti conosciuta come Mimma Di Bella, moglie del compianto professore Antonio Di Bella), nel corso degli anni ha scritto numerose commedie teatrali per il gruppo prestandosi, spesso e volentieri fino allo scorso anno, per delle interpretazioni esilaranti e memorabili, da vera trascinatrice quale ha sempre saputo essere. Tra le più famose, si ricordano “A dubbrera”, “Abbarauna du porcu”, “A luna sabba u campanili”, “U prisebbiu”, “Cu nu scornu si campa nu jornu”. Quella di quest’anno, dal titolo appunto “U morto ‘nta casa”, è una rivisitazione in dialetto brattiroese della celeberrima commedia “Il morto in casa” di Camillo Vitticci, autore di numerosi copioni teatrali di origine bresciana.

Come da tradizione, la Compagnia teatrale brattiroese ha sempre messo in scena ogni commedia durante le festività natalizie, andando in replica, solitamente, in occasione della festa paesana del santo patrono San Pietro. Per lo spettacolo di “U morto ‘nta casa”, commedia in due atti, che debutterà il 5 gennaio alle ore 21:00 presso i locali dell’ex scuola media di Brattirò, andranno in scena: Rosa Rombolà (Marizia) nei panni di Rosa, Giuseppe Rombolà (Saracino) che interpreterà Peppe, Rossella Vita (Panara) in Catuzza, Domenica Speranza che vestirà Mica; Michele Vita (d’Ursula) in ‘Ntoni, Michele Rombolà (Carminu) nel ruolo di don Sergio, Pasquale Ferraro (Gaiu) nei panni di Pietro Angosciato, Caterina Rombolà (Saracina) ungeste assicurativa e Francesco Braccio nei panni del sagrestano Ciccareu. La Compagnia teatrale brattiroese, anche in occasione di questo evento, tiene fortemente a ricordare i compaesani «Cosmo Romano ed il prof. Giuseppe Vita che per anni sono stati i due pilastri della compagnia».

LEGGI ANCHE: Vibo, presentazione del nuovo teatro comunale: l’annuncio della giunta

Caria, folla di visitatori per il Presepe vivente itinerante

Ricadi, “Festa di Natale” per i bambini e i ragazzi del progetto “Protagonisti”

A Brattirò il tour esperienziale alla scoperta del mondo dell’olio

Brattirò, l’associazione culturale “Le Trame” presenta i laboratori per la stagione invernale

top