Covid, prosegue nel Vibonese lo screening in vista della riapertura delle scuole

Domani test rapidi di massa anche a Francica e Filandari. A Joppolo il parroco don Vattiata dona agli alunni oltre 70 tamponi antigenici
Domani test rapidi di massa anche a Francica e Filandari. A Joppolo il parroco don Vattiata dona agli alunni oltre 70 tamponi antigenici
Informazione pubblicitaria
Il Comune di Filandari
Il municipio di Filandari

Prosegue a ritmo frenetico l’attività di screening sul territorio provinciale di Vibo Valentia, nell’ottica della prossima riapertura delle scuole primarie e secondarie di primo grado e nel tentativo di scongiurare eventuali focolai da Covid-19. Tra i sindaci che in queste ore si stanno prodigando per garantire tamponi a tappeto ad alunni e personale docente e Ata in servizio nei vari istituti scolastici, anche quelli di Francica e Filandari, rispettivamente Giovanni Manfrida e Rita Fuduli.

In entrambi i comuni i test antigenici di massa saranno effettuati domani 18 gennaio. Qualora non si riscontrassero casi di positività al coronavirus, la riapertura delle scuole in questi territori è già programmata per il giorno successivo. A Francica i tamponi saranno effettuati in loco, in stretta collaborazione con la Croce Rossa Italiana, già all’opera con grande professionalità anche in altri comuni del Vibonese. Per quanto riguarda il territorio di Filandari invece – così come spiega lo stesso primo cittadino – visti i numeri non eccessivi la popolazione scolastica si sottoporrà ai test rapidi in un noto laboratorio di analisi di Vibo Valentia.

Tonino Vattiata

In tale ambito, da segnalare anche la bella iniziativa del parroco di Joppolo don Tonino Vattiata (Padre Vento), il quale con grande sensibilità ha pensato di dare il proprio contributo all’attività di prevenzione in corso, donando oltre 70 tamponi antigenici ai bambini frequentanti la scuola primaria e secondaria sita sul territorio. «Ovviamente – ci tiene a sottolineare l’attivo sacerdote, già noto alle cronache per la sua proficua attività a favore delle fasce deboli della popolazione, in ultimo degli extracomunitari della baraccopoli di Rosarno – è un tampone in più che si aggiunge a quelli già programmati dal Comune e dall’Asp. Un piccolo gesto per le famiglie e per i nostri ragazzi e ragazze, attuato in collaborazione con il dirigente scolastico Giuseppe Sangeniti e il laboratorio di analisi Multimed di Vibo Valentia».

LEGGI ANCHE: Coronavirus: salgono a tre i decessi a Piscopio

Scuole Vibo: domani riaprono materne, elementari e medie. Solo 2 bimbi positivi su 3.000 test