martedì,Gennaio 25 2022

Biblioteca, il Comune di Vibo corre ai ripari e la giunta approva lavori straordinari

È la stessa amministrazione Limardo a riconoscere pubblicamente che bisogna intervenire al fine di evitare la «possibilità di maggiori danni e pericoli per le persone presenti»

Biblioteca, il Comune di Vibo corre ai ripari e la giunta approva lavori straordinari
Come si presentava la Biblioteca a giugno scorso prima della sua chiusura
La Biblioteca comunale di Vibo
L’ingresso della biblioteca comunale di via Palach

L’amministrazione comunale di Vibo Valentia corre ai ripari. Meglio tardi che mai. E così la Biblioteca comunale di via Jan Palach – chiusa oramai da mesi poiché insicura – sarà oggetto, si spera in un futuro non troppo lontano, di lavori di manutenzione straordinaria che arrivano, peraltro, proprio mentre si dà vita alle iniziative per Vibo Capitale italiana del libro 2021. Il via libera al progetto esecutivo degli interventi è arrivato direttamente dalla giunta di Palazzo Luigi Razza, presieduta dal sindaco Maria Limardo, a fine settembre ma il documento dell’esecutivo è stato reso pubblico solo pochi giorni fa. In ogni caso, è proprio la giunta comunale che riconosce lo stato decisamente pessimo nel quale si trova la struttura del capoluogo. Come si leggerà meglio più avanti, non si hanno esitazioni nel dire che è a rischio la stessa sicurezza delle persone.  

«A seguito di abbondanti piogge – è scritto nella delibera licenziata dall’esecutivo comunale -, verificatesi negli ultimi mesi, si è riscontrata la fragilità del pacchetto di copertura dell’immobile che ha determinato l’infiltrazione di acqua nei locali sottostanti con molteplici disagi per l’utilizzo della struttura stessa. L’intervento in oggetto infatti – si legge sempre nel documento della giunta – mira ad eliminare le infiltrazioni di acqua oltre alla sistemazione del controsoffitto che ormai risulta obsoleto a tratti rovinato e divelto con possibilità di maggiori danni e pericolo per le persone presenti». Il progetto esecutivo è stato redatto dai tecnici comunali del settore Urbanistica Andrea Nocita e Giuseppe Petruzza, mentre il responsabile unico del procedimento è la dirigente di Settore Adriana Teti. La spesa complessiva degli interventi previsti all’interno del progetto esecutivo è pari a  92.520,00 euro. [Continua in basso]

Passo indietro

Tra i primi a fare venire alla luce le pessime condizioni strutturali della Biblioteca comunale di via Jan Palach è stato Stefano Luciano, capogruppo del Pd al Comune, il quale, nel corso di una visita istituzionale a giugno scorso all’interno dell’immobile, ha scoperchiato una situazione di assoluto degrado: acqua che veniva giù dal tettopareti gonfie e ricoperte di muffa, disordine ovunque, scaffalature poste in mezzo alle stanze e parti del soffitto crollate. Quello del capogruppo, insomma, è stato un viaggio in un edificio evidentemente abbandonato da anni e anni.
«Nell’esercizio delle mie funzioni istituzionali – ha spiegato Luciano all’epoca – ho ritenuto di fare un sopralluogo presso la Biblioteca comunale per verificare lo stato generale di tale struttura anche per dare continuità ad un problema che avevo già posto in consiglio comunale, quando con fermezza evidenziai che una città che si rispetti, non può avere una biblioteca che sta letteralmente cadendo a pezzi». Luciano ha poi sottolineato che «tale questione è ritornata attuale proprio in questi giorni, in cui Vibo Valentia, ha avuto, per merito esclusivo della sua storia, l’occasione di divenire “Capitale italiana del libro 2021”. Un evento unico, che può rappresentare – ha rimarcato sempre Luciano – certamente una boccata di ossigeno per tutta la comunità ma solo qualora gli amministratori riuscissero a comprendere che le occasioni vanno utilizzate attraverso strategie che sappiano rilanciare l’immagine di una città che è ridotta, sotto ogni profilo, ai minimi termini per colpa dei soliti noti».

Articoli correlati

top