Vibo, dopo anni il Psc approda in Consiglio per l’approvazione definitiva

Tra i numerosi punti all’ordine del giorno anche il reintegro del consigliere Lo Bianco, finito nell’inchiesta “Rinascita-Scott”
Tra i numerosi punti all’ordine del giorno anche il reintegro del consigliere Lo Bianco, finito nell’inchiesta “Rinascita-Scott”
Informazione pubblicitaria
La sala consiliare di Palazzo Luigi Razza

Lunedì prossimo piatto ricco in consiglio comunale a Vibo Valentia. Per il 29 giugno alle 9.30 è stata infatti convocata una seduta a Palazzo Luigi Razza con numerosi punti all’ordine del giorno, uno dei quali, in particolare, atteso da lustri: l’approvazione definitiva del Piano strutturale.

Piano strutturale, Comune di Vibo pronto ad approvarlo dopo 16 anni

La seduta si aprirà invece su un altro punto rilevante, dopo le comunicazioni del sindaco: la surroga, o meglio il reintegro nel civico consesso del consigliere Alfredo Lo Bianco, come disposto dalla Prefettura, a seguito della revoca degli arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta “Rinascita-Scott”. Salvo ripensamenti, Lo Bianco dovrebbe sedersi tra i banchi del Partito democratico, gruppo dal quale era stato prima sospeso – alla notizia del suo arresto – e poi riaccolto.

Rinascita-Scott: dimora a Vibo per l’ex consigliere Lo Bianco

Terzo punto all’ordine del giorno una variazione al Bilancio, mentre al quarto bisognerà approvare gli interventi di somma urgenza del 31 marzo 2020 per il ripristino dell’officiosità idraulica del fosso Cutura-La Badessa, con cui fu messa in sicurezza una strada comunale in località Gallizzi. Sarà poi la volta del Piano strutturale comunale, che torna a Palazzo Razza per l’approvazione definitiva, dopo l’adozione del 2014, le integrazioni e modificazioni a seguito di osservazioni da parte di tutti gli enti coinvolti.

Vibo, Piano strutturale comunale: a breve l’approdo in Consiglio

I tre punti successivi sono le approvazioni di tre regolamenti comunali: quello sulla monetizzazione delle aree standard, quello sulle commissioni consiliari e quello sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la gestione in forma condivisa dei beni comuni. A chiudere l’assise un ordine del giorno presentato dal consigliere Marco Miceli sulla predisposizione, da parte del Comune, del Piano di accessibilità urbana e del Piano di eliminazione delle barriere architettoniche.