martedì,Giugno 25 2024

Ospedale San Bruno, il sindaco di San Nicola: «Si dia vita ad un coordinamento unico»

Condello cerca di legare le rivendicazioni del Comitato “San Bruno”, promotore in questa fase di diverse iniziative di protesta, con l’azione diplomatica delle Amministrazioni comunali: «La frammentazione rischia di indebolire il territorio»

Ospedale San Bruno, il sindaco di San Nicola: «Si dia vita ad un coordinamento unico»
L'ospedale di Serra San Bruno

«Parola d’ordine: unità. Perché la posta in gioco è troppo elevata e la frammentazione moltiplica il rischio di indebolire il territorio e la comunità». Lo afferma il sindaco di San Nicola da Crissa, Giuseppe Condello parlando del nosocomio di Serra San Bruno. In particolare il primo cittadino mette in guardia rispetto ai pericoli di «azioni solitarie» ed invita a «fare squadra nell’interesse della popolazione». «L’ospedale “San Bruno” – scrive il primo cittadino – è un patrimonio inestimabile in termini sanitari e sociali, pertanto, va tutelato con decisione, ma con le giuste strategie e senza fare errori». In qualità di componente del Comitato ristretto dell’Assemblea dei sindaci, Condello avvisa gli attori politici e sociali dell’importanza della partita in corso sottolineando che «non bisogna ragionare per compartimenti stagni, rimanendo ognuno sulla propria posizione». Piuttosto, occorre «lavorare in sinergia» evitando di apparire «divisi ed indifesi». Vestendo i panni del mediatore, Condello cerca di legare le rivendicazioni del Comitato “San Bruno”, promotore in questa fase di diverse iniziative di protesta, con l’azione diplomatica delle Amministrazioni comunali, applicata soprattutto nelle sedi istituzionali. [Continua in basso]

«Tutti i sindaci – sostiene – e i comitati presenti sul territorio possono costruire una posizione comune, magari dando vita ad un coordinamento unico per chiedere ed ottenere il rispetto completo del diritto alla salute in un’area svantaggiata e già privata di molti servizi. Non possiamo andare dal presidente della Regione e commissario alla Sanità Roberto Occhiuto – aggiunge – in ordine sparso, con idee vaghe o contraddittorie. Dobbiamo, al contrario, rimarcare che c’è stata una scarsa visione complessiva a livello regionale che ha penalizzato il Vibonese e le aree interne e che ha colpito duramente la popolazione». Insomma, si va a caccia di «equilibrio, ma anche di fermezza perché rispetto alle esigenze indifferibili dei cittadini non si può indietreggiare di un millimetro». In concreto, Condello pensa alla costituzione di «un Comitato globale che, grazie all’azione dei sindaci, riesca ad integrare le proposte». Solo così, «in maniera compatta e senza barriere politiche si potrà centrare l’obiettivo di difendere e rafforzare l’ospedale e la medicina territoriale».

LEGGI ANCHE: Istituita l’assemblea dei sindaci delle Serre: sul tavolo sanità, infrastrutture e cultura

Articoli correlati

top