lunedì,Febbraio 6 2023

Poliambulatori del Vibonese, l’Asp precisa: «Completato l’orario e migliorata l’offerta»

Parla Raffale Bava, direttore del Distretto sanitario unico di Vibo Valentia, che rivendica l’impegno dell’Azienda sanitaria di «promuovere e sostenere, anche a livello regionale, il riordino e il rafforzamento della medicina territoriale»

Poliambulatori del Vibonese, l’Asp precisa: «Completato l’orario e migliorata l’offerta»

«La pubblicazione sulle testate giornalistiche, sia locali che regionali, di articoli con i quali si lamenta il depauperamento della specialistica ambulatoriale nell’Asp di Vibo Valentia porta il sottoscritto a dover fare alcune doverose precisazioni, non solo nella qualità di direttore del Distretto sanitario unico, ma anche perché da oltre un ventennio si interessa personalmente di tale branca, anche quale componente del Comitato zonale provinciale. Con cognizione di causa, pertanto, si asserisce che la situazione cristallizzata nei diversi articoli pubblicati non corrisponde, ad oggi, alla realtà dei fatti, attenendo, fortunatamente, ad una fase che può considerarsi ormai superata». Lo afferma il direttore del Distretto sanitario unico dell’Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia Raffaele Bava. [Continua in basso]

«Sebbene l’Asp di Vibo Valentia – aggiunge – fosse ferma ad un monte ore storico per la specialistica ambulatoriale al 2008 e, nonostante non si fosse mai dato seguito alle diverse delibere di implementazione di tale monte ore, il 2022 si è contraddistinto per la tenacia e la ferma volontà del commissario straordinario Giuseppe Giuliano di promuovere e sostenere, anche a livello regionale, il riordino e il rafforzamento della medicina territoriale. Grazie a tale importante intervento è stato possibile non solo il completamento orario degli specialisti nelle varie branche mediche già presenti, ma, con altrettanto successo, è stata implementata l’offerta specialistica, introducendo branche che, fino ad oggi, non erano mai state presenti nell’Asp di Vibo Valentia. Solo per dovere di cronaca, si annovera l’introduzione della branca di “Anestesia e Rianimazione” per  38 ore settimanali, finalizzata anche al delicato compito di assicurare il necessario quanto doveroso sollievo ai malati terminali nell’ambito del nascente “Servizio delle Cure Palliative”, e della branca di “Urologia” per 38 ore settimanali necessaria per assicurare la prevenzione e la conseguente cura precoce di importanti ed invalidanti patologie. L’implementazione oraria ha, invece, interessato, le branche di “Geriatria”, “Allergologia”, “Pneumologia”, “Neurologia”, “Endocrinologia”, “Reumatologia”. E così, grazie alla nuova rete – prosegue il direttore -, è possibile la totale presa in carico dei pazienti fragili, disabili e/o affetti da patologie croniche che si trovano nella condizione di dover completare la mission della deospedalizzazionee attuare la domiciliarizzazione delle cure, come anche auspicato dal Pnnr. Il traguardo raggiunto è importante anche per la volontà manifestata e portata avanti di concerto con il direttore sanitario aziendale Matteo Galletta -di spalmare l’offerta specialistica sull’intero e frastagliato territoriale provinciale, con particolare attenzione alle costituende Case di comunità di Filadelfia, Serra San Bruno, Mileto, Nicotera e Soriano Calabro, sede anche del Nuovo ospedale di comunità, nonché di Pizzo Calabro, sede del Cot». 

Questa disamina della situazione attuale, a parere di Bava, «evidenzia come la ventilata fuga degli specialisti ambulatoriali dall’Asp di Vibo Valentia altro non è che il normale turnover che deve essere letto come espressione di rinnovamento e potenziamento con specialisti spesso giovani e residenti nel nostro territorio e per questo ancor più entusiasti e motivati in questa nuova avventura professionale. Colgo l’occasione – conclude il dirigente dell’Asp –  di rappresentare che sono stati già assegnati ai nostri poliambulatori quattro nuovi ecografi multidisciplinari di ultima generazione..Tanto per opportuna comunicazione e precisazione». 

LEGGI ANCHE: Sanità, medici specialisti si dimettono dai Poliambulatori del Vibonese e abbandonano l’incarico

Sanità vibonese, si dimette medico in forza a poliambulatori provinciali

Centrale operativa territoriale: l’Azienda sanitaria approva i progetti di Nicotera e Pizzo

Articoli correlati

top