domenica,Maggio 19 2024

Sanità vibonese fra scontri politici e apatia, 25 sindaci assenti dalla Conferenza

In discussione c’era l’atto aziendale dell’Asp e la riorganizzazione della continuità assistenziale. Il primo cittadino di San Nicola da Crissa si dimette dal Comitato ristretto

Sanità vibonese fra scontri politici e apatia, 25 sindaci assenti dalla Conferenza

Conferenza dei sindaci disertata da 25 primi cittadini chiamati ieri a discutere della sanità vibonese, dell’atto aziendale dell’Asp e della riorganizzazione della continuità assistenziale così come dello stato degli ospedali. Su 48 sindaci ne erano presenti solo 23, mentre 25 erano assenti. Prima della seduta, il sindaco di San Nicola da Crissa Giuseppe Condello ha annunciato le proprie dimissioni dal Comitato ristretto dei sindaci, in quanto a suo avviso non sarebbe stato convocato prima della Conferenza dei sindaci. Polemiche con il sindaco di Vibo Valentia, Maria Limardo, anche da parte del sindaco di Monterosso Calabro Antonio Lampasi il quale ha abbandonato la seduta prima dell’intervento del primo cittadino del capoluogo lamentando pure lui che proprio la Limardo non abbia convocato il Comitato ristretto prima della Conferenza dei sindaci. Non è mancata la risposta del primo cittadino di Vibo che ha rimarcato di aver voluto convocare la Conferenza dei servizi per una maggiore condivisione dei problemi della sanità del Vibonese con tutti i colleghi sindaci. Dal canto suo, il commissario dell’Asp Giuseppe Giuliano ha rassicurato i primi cittadini delle Serre sull’ospedale di Comunità, soffermandosi poi sui 113 medici di guardia nel Vibonese che sono insufficienti a coprire 39 postazioni. Con tali numeri – ad avviso di Giuliano – potranno restare aperte 32 sedi di guardia medica con turni però di 12 ore e non di 24. Gli ospedali di Tropea e Serra nell’atto aziendale continueranno ad essere “sedi disagiate” (con l’aggiunta di strutture a valenza dipartimentale che devono però essere approvate dalla Regione), mentre resta tutto come in precedenza per l’ospedale di Vibo. Sono quindi seguiti gli interventi dei sindaci di Spadola (Cosimo Piromalli), Serra San Bruno (Alfredo Barilari), Francavilla Angitola (Giuseppe Pizzonia), Stefanaconi (Salvatore Solano), Parghelia (Landro), Limbadi (Pantaleone Mercuri) e Mileto (Salvatore Fortunato Giordano).

LEGGI ANCHE: Caroniti, Guardia medica riaperta e trasferita nei nuovi locali

Ospedale, il comitato “Serra al Centro” contro l’Asp: «Abbandona i cittadini»

Ospedale di Vibo, l’Asp continua a bandire concorsi per la copertura dei posti vacanti

top