mercoledì,Luglio 24 2024

Vibo, l’Asp individua l’immobile in cui trasferire il 118 dall’ospedale

Dopo un lungo iter sembra essersi conclusa la ricerca di locali idonei. Entro trenta giorni ora dovranno essere conclusi i lavori di adeguamento. Intanto servono nuovi autisti per le ambulanze e si attinge dalla graduatoria di Reggio Calabria

Vibo, l’Asp individua l’immobile in cui trasferire il 118 dall’ospedale

L’Asp di Vibo Valentia ha individuato un immobile da destinare a postazione del Suem 118. Sembrerebbe dunque essersi conclusa la (lunga) ricerca per trovare dei locali idonei ad ospitare le due ambulanze – più una di appoggio in caso di emergenza, per un totale di oltre 20/30 operatori – attualmente allocate all’ospedale Jazzolino e da mesi in attesa di una nuova sede in cui essere trasferite. L’immobile scelto si trova in centro a Vibo ed è quello messo a disposizione dalla ditta D.M.C. srl. Con una delibera firmata dal commissario straordinario dell’Asp Giuseppe Giuliano si prende atto del parere positivo espresso dal Dipartimento di Prevenzione e della relazione tecnica e planimetria fornita da D.M.C e sottoscritta per accettazione dai vari direttori. Si stabilisce inoltre che entro trenta giorni devono essere portati a termine i lavori per l’adeguamento dei locali. Infine, il commissario Giuliano dà mandato all’ufficio Gestione tecnico-patrimoniale di «predisporre i relativi atti per la locazione dell’immobile a lavori ultimati dalla ditta D.M.C.». L’immobile in questione ha una superficie di 268 metri quadrati. L’offerta proposta da D.M.C. all’Asp di Vibo per la locazione è di 5,6€ al metro quadro, cifra rientrante nel range di prezzo stabilito dalla banca dati quotazioni immobiliari dell’Agenzia delle Entrate. [Continua in basso]

Un lungo iter

Il lungo iter che ha portato oggi all’individuazione di locali idonei e con un’offerta economica definita congrua dall’Asp, parte dall’avviso di manifestazione di interesse pubblicato lo scorso agosto. Ma tutta la vicenda ha avuto inizio ancor prima, circa un anno fa. Era maggio quando il trasferimento del 118 di Vibo Valentia aveva sollevato non poche polemiche dopo la decisione dell’Azienda sanitaria di portarne la sede a Pernocari: cittadini e sindacati erano insorti e alla fine il management aziendale aveva fatto un passo indietro, optando per la ricerca di una soluzione in cittàA giugno la pubblicazione del primo bando, andato deserto. Poi il nuovo avviso a fine agosto. Ma anche in questo caso le cose non sono andate per il verso giusto in un primo momento: a rispondere all’avviso sono stati in 14 ma nessuno è risultato idoneo, per non aver presentato tutta la documentazione richiesta o a causa di offerte troppo alte. L’Asp ha quindi deciso di richiedere nuova offerta – entro i range di prezzo ammessi dall’Agenzia delle Entrate -, ai soggetti (6 in tutto) che erano a posto con la documentazione e avevano proposto un immobile che presentava tutti i requisiti richiesti. Tra questi alla fine a spuntarla è stata appunto la ditta D.M.C. srl.

La graduatoria di Reggio per gli autisti

Intanto l’Asp di Vibo Valentia è anche in procinto di assumere autisti per le ambulanze, «così come previsto – si legge in un’altra delibera del commissario Giuliano – nel Piano del Fabbisogno 2022 e sulla base dei posti resisi disponibili a seguito di cessazioni, al fine di garantire una migliore funzionalità dei servizi interessati». Per fare ciò si è deciso di attingere alla graduatoria dell’Asp di Reggio Calabria e fra le due aziende è stato stipulato nei giorni scorsi un apposito accordo. Quest’ultimo prevede che Vibo possa utilizzare la graduatoria reggina dalla posizione 28 alla 41 e che una volta concluse le procedure di assunzione, la restituisca a Reggio specificando quali sono i candidati arruolati presso la propria azienda. Nella delibera del commissario Giuliano è inoltre chiarito che se dopo tale iter a Vibo rimarranno ancora dei posti non coperti, si procederà con una nuova procedura di reclutamento, ossia tramite mobilità o in ultima istanza un concorso pubblico.

LEGGI ANCHE: Pronto soccorso vibonesi, ancora lavoro extra per i medici: 100 euro all’ora per coprire tutti i turni

Un anno e mezzo d’attesa per una visita, Neri (Cittadinanzattiva): «A Vibo la sanità è questione di sopravvivenza»

Articoli correlati

top