Covid Mileto: contagi in netto calo dopo la paura dei giorni scorsi

A fine novembre i casi di positività sul territorio comunale erano in breve saliti a 64. Poi l’inversione di tendenza fino agli attuali 23 contagiati
A fine novembre i casi di positività sul territorio comunale erano in breve saliti a 64. Poi l’inversione di tendenza fino agli attuali 23 contagiati
Informazione pubblicitaria

Trend al ribasso e situazione in netto miglioramento per quanto riguarda i contagi da Covid-19 presenti sul territorio comunale di Mileto. Una dato in linea con quelli della provincia e della regione, che però nella cittadina normanna, incrociando le dita, fa gridare al pericolo scampato, soprattutto se si prendono in considerazione gli alti numeri di positivi presenti tra gli abitanti di questa comunità a fine novembre. La situazione in quei giorni e in quelle concitate ore appariva sostanzialmente sfuggita di mano. I casi in poco tempo erano addirittura divenuti 64, con tanto di invito del sindaco Salvatore Fortunato Giordano alle forze dell’ordine e alla Polizia municipale a controllare maggiormente il territorio e di decisione del governatore della Calabria Nino Spirlì di mantenere – non senza polemica con le autorità locali – Mileto in “zona rossa”. Poi, per fortuna, si è registrata l’inversione di tendenza della curva dei contagi che, gradualmente, nella cittadina normanna e nelle relative frazioni ha fatto scendere i casi di positività da coronavirus agli attuali 23. Il trend al ribasso, come detto, sta riguardando anche i comuni circostanti e l’intera provincia di Vibo Valentia. Da domenica scorsa anche Mileto, tuttavia, così come il resto della regione è divenuta “zona gialla”.

La paura è che questo porti ad un eccessivo allargamento delle “maglie” e delle precauzioni comportamentali anti Covid e, conseguentemente, a un nuovo aumento dei casi pandemici. Oggi, intanto, proprio per monitorare la situazione, prevenire questo rischio e scongiurare tale eventualità il Comune – in collaborazione con il dottor Antonio Mercuri, l’architetto Giuseppe Stellitano, il consigliere Elisa Galloro e altri volontari – ha avviato l’effettuazione dei tamponi rapidi antigenici agli oltre 50 emigrati registratisi in questi giorni all’apposito link presente sulla Home page del sito istituzionale, in vista del loro rientro per le festività natalizie. Al momento, così come comunicato pochi minuti fa dal sindaco Salvatore Fortunato Giordano, tutti questi test hanno dato esito negativo. E questo, indubbiamente, fa tirare un sospiro di sollievo e ben sperare in ottica futura.