martedì,Luglio 27 2021

Il capitano vibonese De Maria al comando del pattugliatore Gdf “Petrucci”

È alla guida del nuovo pattugliatore, considerato un gioiello della tecnologia navale. La tappa vibonese come omaggio al Roan, alla città e anche alle sue origini

Il capitano vibonese De Maria al comando del pattugliatore Gdf “Petrucci”
Il pattugliatore a Vibo Marina e nel riquadro il comandante De Maria

Giunto in porto nella tarda mattinata odierna, il pattugliatore veloce della Guardia di finanza, “Tenente Petrucci”, è ormeggiato presso la banchina Fiume attirando molta curiosità. L’unità è intitolata all’ufficiale delle Fiamme Gialle, medaglia d’oro al Merito Civile, perito all’età di 27 anni a seguito di un attentato dinamitardo. Il maxi- pattugliatore, varato a Viareggio a gennaio 2021, si caratterizza per l’elevato livello tecnologico di cui è dotato. La nave, lunga 44 metri, può raggiungere una velocità di 43 nodi ed è in grado di accogliere circa 150 naufraghi.

Il viaggio del pattugliatore

Il “Petrucci” è salpato stamattina dal porto di Gaeta diretto a Taranto, sede di destinazione, per assolvere ai compiti di sorveglianza delle frontiere marittime esterne dell’Unione Europea, esercitando un ruolo strategico per la sicurezza di tutta l’area del “Mediterraneo allargato”. La sosta nel porto vibonese ha voluto rappresentare un atto di omaggio del Corpo  della Gdf. verso il Roan e il porto di Vibo Marina nonché verso la città di Vibo Valentia.

Il Petrocci, pattugliatore della Gdf

Un vibonese al comando del Petrucci

Ma c’è un altro significato alla base dell’attenzione verso il territorio vibonese, in quanto la modernissima unità navale è comandata da un giovane ufficiale  originario di Vibo Marina, il capitano Antonio De Maria.

Il comandante del “Petrucci” ha frequentato il Liceo scientifico e il Conservatorio di Musica a Vibo Valentia, ma la sua passione è stata sempre il mare. Dopo la Maturità, è entrato nell’Accademia della Guardia di Finanza a Bergamo e conseguito la laurea in Scienze Economico-finanziarie, a cui fanno seguito diversi master e corsi di perfezionamento. Dopo la specializzazione per comandante di unità navale, presso la Scuola Nautica di Gaeta, è stato assegnato al Gruppo aeronavale di Taranto, reparto di eccellenza militare il cui compito è quello di contrastare ogni tipo di traffico illecito in mare.

Articoli correlati

top