domenica,Gennaio 23 2022

A Dasà il rito della fusione dell’oro votivo per realizzare la raggiera del Cristo risorto

FOTO | L'opera è stata realizzata dall'orafo Michele Affidato, al termine della Santa messa presieduta dal vescovo Attilio Nostro

A Dasà il rito della fusione dell’oro votivo per realizzare la raggiera del Cristo risorto
Il rito della fusione dell'oro votivo

Nel pomeriggio di ieri, domenica 21 novembre, nella chiesa parrocchiale di San Nicola e San Michele di Dasà si è tenuto il rito della fusione dell’oro votivo per realizzare la raggiera per il Cristo risorto. La cerimonia si è svolta al termine della Santa messa presieduta dal vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea, Attilio Nostro, nel giorno dedicato alla solennità di Cristo Re e Signore dell’Universo. Il parroco don Bernardino Comerci e i fedeli hanno dato incarico per la realizzazione dell’opera al maestro Michele Affidato, orafo calabrese che ormai da molto tempo è conosciuto a livello nazionale ed internazionale per le tante ed importanti opere di arte sacra realizzate. Affidato ha già realizzato il progetto grafico della raggiera che da alcuni mesi era esposto nella chiesa madre di Dasà. [Continua in basso]

Un rito antico quella della fusione dell’oro ex voto, che simboleggia l’unione di un popolo: ogni proprio gioiello fuso con gli altri in un solo crogiuolo. La fusione realizzata dall’orafo crotonese ha prodotto una grande attesa in tutti i fedeli del comune vibonese e non solo. Da sempre, i fedeli esprimono la propria devozione portando alla statua del Cristo “ex voto” in oro, essendo questo metallo prezioso il primo dono che i Re Magi presentarono a Gesù per sottolinearne la regalità. Durante la funzione partecipata da numerosi fedeli nel rispetto delle misure anti Covid erano presenti il sindaco di Dasà Raffaele Scaturchio, autorità civili e militari.

«Aver avuto il compito di poter fare la fusione per realizzare poi l’opera mi riempie di gioia – ha detto Michele Affidato –. Realizzare la raggiera da apporre sul capo del Cristo risorto, vuole esprimere e racchiudere la devozione di un intero popolo, e mi riporta sempre alla mente di come momenti come questo, siano importantissimi all’interno di una comunità, perché danno la possibilità di evidenziare sempre l’unione che ci lega all’altro. Fondere tanti oggetti, appartenenti ai singoli per creare un pezzo unico, dimostra che in questo gesto c’è tanta voglia di unirsi e formare un unico senso unitario dell’essere popolo – ha concluso il maestro orafo – Fondere e fondersi, vuole oggi significare darsi sostegno a vicenda, volendo fare comunità».

Articoli correlati

top