sabato,Maggio 25 2024

Regione, Molinaro: «Premi alle imprese che resistono alla ‘Ndrangheta, la legge De Masi è realtà»

In occasione dell’ultimo bando della regione, previsti punteggi per le aziende che attestano di essere state vittime di atti di criminalità organizzata, fatti usurari ed estorsivi

Regione, Molinaro: «Premi alle imprese che resistono alla ‘Ndrangheta, la legge De Masi è realtà»

Con il recente avviso pubblico regionale per la concessione di contributi alle imprese che realizzano progetti di internazionalizzazione, la Regione Calabria ha introdotto, per la prima volta, il criterio della premialità a vantaggio delle imprese che resistono alla criminalità organizzata. È il primo effetto della legge regionale 51/2023, riferisce Pietro Molinaro presidente della Commissione Consiliare antindrangheta, ispirata dall’imprenditore Nino De Masi ed approvata dal Consiglio regionale.

L’avviso è pubblicato – si legge in una nota stampa – sul portale regionale “CalabriaEuropa” e prevede che nell’assegnazione dei punteggi per ottenere il contributo pubblico, siano riconosciuti 10 punti alle imprese che attestano di essere state vittime di atti di criminalità organizzata, fatti usurari ed estorsivi o di aver assunto nei procedimenti penali ad essi relativi il ruolo di testimoni di giustizia. «La novità, prosegue Molinaro, oltre ad avere una valenza concreta, ha anche un valore simbolico molto rilevante. Si tratta di dare un riconoscimento chiaro di vicinanza e sostegno alle imprese che hanno avuto il merito ed il coraggio di non piegarsi alle richieste della criminalità organizzata ed hanno scelto la strada della denuncia e della legalità. Una chiara “scelta di campo” contro la criminalità organizzata, contro i condizionamenti al sistema produttivo, un pilastro di una legislazione regionale che è in prima linea a livello nazionale».

LEGGI ANCHE: Premi a chi denuncia il racket, disco verde al disegno di legge De Masi. Comito: «Giornata storica»

Premialità a imprenditori che denunciano racket e usura: l’iniziativa di Gal Terre Vibonesi e Libera

Lotta alla ‘ndrangheta, Lo Schiavo e Tavernise: «Proposta De Masi da sostenere con forza»

Articoli correlati

top