A Paravati la Posta apre part-time, Giordano: «Decisione incomprensibile»

Il sindaco di Mileto invia una piccata lettera a Poste Italiane e al prefetto Zito, denunciando i disagi e chiedendo la riapertura al pubblico a tempo pieno
Il sindaco di Mileto invia una piccata lettera a Poste Italiane e al prefetto Zito, denunciando i disagi e chiedendo la riapertura al pubblico a tempo pieno
Informazione pubblicitaria

Piccata lettera del sindaco di Mileto Salvatore Fortunato Giordano indirizzata a Poste italiane e, per conoscenza, al prefetto di Vibo Valentia Francesco Zito. Oggetto della missiva, l’attuale apertura per soli tre giorni alla settimana dell’Ufficio postale della frazione Paravati. Una decisione ritenuta dal primo cittadino «del tutto ingiusta, causa di notevoli disservizi e oltremodo pregiudizievole in questa fase di Covid». Da qui la richiesta ai vertici dell’Azienda di riaprire a tempo pieno la sede della popolosa frazione di Mileto, «che in questi anni grazie all’Opera benefica di Natuzza Evolo è diventata un importante centro religioso del meridione». Il cambio di rotta, tra l’altro, era già stato chiesto mesi fa dal sindaco, senza tuttavia ottenere risposta.

Il sindaco Giordano

«E’ incomprensibile – afferma oggi nella lettera – come, solo per razionalizzare la spesa, si riducano i servizi chiudendo al pubblico per tre volte la settimana. Tale fatto, per come ampiamente portato a conoscenza già con la prima missiva rimasta inspiegabilmente inevasa, aggrava la situazione per diverse categorie di utenti, in particolare persone anziane, che sono costrette a interminabili file all’esterno, sia nei giorni di apertura in quel di Paravati, sia a Mileto. Poste Italiane è responsabile della gestione del servizio sia dentro che fuori, anche dal punto di vista delle normative che in questo periodo prevedono ulteriori restrizioni a causa del Covid. Regole che, come si sa, impongono il divieto di assembramento. Pertanto – prosegue – insisto nel chiedere, dato che tale fatto sta creando oltre a enormi disagi nella popolazione, anche motivi di irrequietezza, la riapertura a tempo pieno degli Uffici postali di Paravati, che servono anche le frazioni di Comparni e San Giovanni, in modo da evitare le lunghe file fuori dagli uffici sia a Paravati che a Mileto». In conclusione il sindaco preavverte che in mancanza di riscontri, «anche per la tutela della salute dei propri cittadini, sarà costretto a informare gli organi di Polizia al fine di esercitare i relativi controlli ed elevare anche e soprattutto a carico di Poste Italiane le multe previste in caso di procurato assembramento».