Tonno Callipo, primo test contro Molfetta

PRIMO test-match precampionato per la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia. Si giocherà domani, 19 settembre, alle ore 18.30, a Policoro (Mt) nell’ambito del 4° trofeo “Gigi Liguori”.

PRIMO test-match precampionato per la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia. Si giocherà domani, 19 settembre, alle ore 18.30, a Policoro (Mt) nell’ambito del 4° trofeo “Gigi Liguori”.

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Di fronte alla formazione vibonese allenata da coach Vincenzo Mastraneglo, ci sarà la formazione pugliese dell’Exprivia Molfetta, che milita in Superlega, allenata da un ex tecnico della Callipo, Flavio Gulinelli, e che vede schierati tra i suoi atleti di punta due giocatori che hanno vestito in passato la casacca giallorossa. Si tratta dello schiacciatore siciliano Luigi Randazzo (un anno a Vibo nel 2013) e dell’ex “bandiera” della formazione di patron Pippo, il centrale palmese Rocco Barone, per ben otto stagioni in forza al club vibonese. La sfida di domani è il primo allenamento congiunto di una serie di incontri che si svolgeranno in funzione dell’avvio del campionato di serie A2 previsto per il prossimo 25 ottobre quanto la Tonno Callipo vivrà l’esordio stagionale in gara ufficiale scendendo in campo davanti ai tifosi di casa, contro Civita Castellana. Prossimo appuntamento amichevole, venerdì 25 settembre al PalaValentia contro Lagonegro (formazione di serie B1), poi venerdì 9 ottobre contro Alessano (A2) a Tricase (Le) e, ancora, sabato 17 ottobre di nuovo contro Alessano questa volta nell’impianto di casa. Un’ulteriore amichevole dovrebbe giocarsi al PalaValentia il 3 ottobre contro un’altra formazione di serie B1. Fiducioso il commento del tecnico Vincenzo Mastrangelo, quest’anno all’esordio da primo allenatore di Vibo Valentia. «È importante iniziare a capire da che punto partiamo – ha spiegato il coach giallorosso – per avere già i primi riferimenti di quelli che siamo, chiarendo alcuni aspetti del gioco sui quali dovremo lavorare. È fondamentale – ha aggiunto – mettere insieme un gruppo di persone e iniziare a far capire le regole da far rispettare a tutti. In questo momento la cosa più importante che dobbiamo fare è quella di costruire una mentalità di lavoro».     

Informazione pubblicitaria