Pubblicita'

Carattere

La Provincia ha riavviato, dopo tre anni, l’intervento sull’incrocio già teatro di diversi incidenti. L’opera, che insiste lungo la provinciale n. 95, consentirà di decongestionare il traffico e metterlo in sicurezza

Il bivio oggetto dell'intervento
Economia e Lavoro

La Provincia di Vibo Valentia ha riavviato, dopo tre anni, i lavori di completamento della rotatoria sita in prossimità del bivio Paradisoni-Cessaniti, lungo la strada provinciale numero 95 (ex strada statale 522) che da Pizzo percorre la costa fino a Tropea.

«La rotatoria, una volta completata, consentirà di decongestionare il traffico e, soprattutto, - sottolineano i tecnici del Settore Viabilità della Provincia - garantirà maggiore sicurezza agli automobilisti, rendendo meno pericoloso un incrocio stradale che in passato è stato teatro di diversi incidenti».

L’importo previsto per il completamento di tale opera ammonta a circa 80mila euro e rientra nei finanziamenti stanziati per la sicurezza stradale nel Vibonese dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

«La ripresa dei lavori di ammodernamento della strada provinciale n. 95, tra i quali rientra anche il completamento della rotatoria sita nei pressi del bivio Paradisoni-Cessaniti, - ha evidenziato il presidente della Provincia di Vibo Valentia, Andrea Niglia - è stata resa possibile grazie allo sblocco dei fondi da parte del dicastero delle Infrastrutture, avvenuto, il mese scorso, dopo una serie di incontri nel corso dei quali siamo riusciti a superare alcuni significativi impedimenti di natura burocratica. Siamo convinti - ha aggiunto, infine, il presidente Niglia -, che grazie agli interventi in programma, che sono in linea con quelli previsti dalle nuove misure europee in termini di sicurezza stradale, in tempi ragionevoli, la 522 potrà essere percorsa con maggiore tranquillità dagli automobilisti».

LEGGI ANCHE:

Provincia di Vibo: dal ministero 3,9 milioni per strade, scuole e stipendi

L’INCHIESTA | Viabilità nel Vibonese, ecco tutte le spese e le strade a rischio

In evidenza

Seguici su Facebook