mercoledì,Giugno 19 2024

A Parghelia i membri dell’istituto Paluzzi di Roma, il vicesindaco: «Le nostre spiagge sempre più apprezzate»

Il centro clinico e scuola di formazione ha scelto la spiaggia di Michelino per le sue attività. Belvedere: «Quest’area suscita interesse e studio»

A Parghelia i membri dell’istituto Paluzzi di Roma, il vicesindaco: «Le nostre spiagge sempre più apprezzate»

«La scelta dell’istituto Paluzzi di Roma di organizzare le proprie attività nella nostra suggestiva spiaggia di Michelino, conferma quanto di buono abbiamo fatto per la promozione e la valorizzazione delle nostre bellezze naturali e non solo». Il vicesindaco di Parghelia, Tommaso Belvedere soddisfatto per l’interesse che il centro costiero continua a suscitare per le sue bellezze e la sua storia. Nei giorni scorsi, infatti, Parghelia e il suo suggestivo litorale, hanno ospitato i membri del Paluzzi, centro clinico e scuola di formazione al counselling (consulenza). [Continua in basso]

Si tratta di una realtà fondata da Silvestro Paluzzi e Antonella Tropea che mira allo sviluppo del benessere globale della persona attraverso l’applicazione del metodo definito “multisetting”, un approccio volto a superare gli schemi tradizionali di accompagnamento. Attraverso le sue attività, l’istituto porta i propri partecipanti ai corsi a incontrarsi con la bellezza del proprio mondo interiore che si incastona nella più vasta bellezza dei luoghi naturalistici che vengono scelti per loro come la spiaggia di Michelino: «Oltre ad essere una fra le più belle spiagge d’Italia, è anche oggetto di studio. Dopo l’università di Catania che ogni anno porta i propri studenti per studiare la cava romana e l’antica camera magmatica, – spiega ancora il vicesindaco- anche altri istituti e studiosi vengono a Michelino per le proprie attività. Questo ci inorgoglisce e ci ripaga dal lavoro fatto fino ad ora e che vogliono continuare a fare nei prossimi anni. Parghelia è e deve essere conosciuta per le sue peculiarità e bellezze».

LEGGI ANCHE: Parghelia e il mare: dai “tonnaroti” alle leggende sul quadro della Madonna di Portosalvo

Articoli correlati

top