domenica,Luglio 14 2024

Mare sporco a Pizzo, c’è il divieto di balneazione ma nessuno lo sa – Video

Lo specchio d’acqua dinnanzi alla Chiesetta di Piedigrotta è interdetto alla balneazione da qualche giorno. Ma gli avvisi sono stati rimossi

Mare sporco a Pizzo, c’è il divieto di balneazione ma nessuno lo sa – Video

«Il divieto di balneazione dovrebbe essere revocato in queste ore», annuncia il sindaco di Pizzo Sergio Pititto. L’interdizione riguarda il tratto di mare denominato “Area Museo Civico”, ossia lo specchio d’acqua antistante la Chiesetta di Piedigrotta. Il divieto vige a seguito dei prelievi effettuati il 21 giugno scorso dall’Arpacal che ha accertato la presenza nel tratto di mare denominato “Area Museo Civico” di una contaminazione batteriologica superiore ai limiti previsti dalla legge. Valori fuori norma che starebbero dunque rientrando, ma tuttora in vigore. «Non posso farmi il bagno qui? E dove sta scritto?», domanda contrariato un turista. E non è il solo. La stessa espressione prima perplessa e poi contrariata l’assumono tutti i vacanzieri ai quali abbiamo chiesto se fossero a conoscenza dell’ordinanza che vieta la balneazione. Nonostante ciò, infatti, sono diversi i bagnanti che si godono il sole e il mare in un tratto, a loro insaputa, temporaneamente interdetto. Gli avvisi affissi dal Comune sono infatti stati rimossi.

Un problema quello dello sversamento in mare di reflui fognari, che si trascina da anni, a Pizzo come in altre località turistiche della Costa degli dei e non solo. Oggi il mare appare limpido, ma nei giorni scorsi sono ricomparse in mare le chiazze giallastre nonostante gli interventi sugli impianti di depurazione e gli sforzi messi in campo dal presidente della Regione Calabria che lo scorso anno proprio dal litorale vibonese ha avviato una ricognizione per scovare scarichi abusivi. Tanto è stato fatto, ma i risultati tardano ad arrivare. A queste latitudini il mare pulito è un traguardo ancora lontano. Un problema quello dello sversamento in mare di liquami, che si trascina da anni, a Pizzo come in altre località turistiche della Costa degli dei e non solo. Oggi il mare è limpido, ma nei giorni scorsi sono ricomparse le chiazze giallastre nonostante gli interventi sugli impianti di depurazione e gli sforzi messi in campo dal presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, che lo scorso anno proprio dal litorale vibonese ha avviato una ricognizione per scovare gli scarichi abusivi, tra le principali cause dell’inquinamento nei pressi della costa. Tanto è stato fatto, ma i risultati tardano ad arrivare. Il mare pulito, promesso da Roberto Occhiuto, è un traguardo che appare ancora molto lontano.

Articoli correlati

top