Carattere

Lo sfogo di Luana Ferraro: «Siamo stanchi di riempire le casse comunali di tasse senza aver garantito quantomeno l’ordinario. Per questo siamo scesi in piazza a protestare e abbiamo incontrato il sindaco Costa» 

Il porto di Vibo Marina
Commenti

Una settimana movimentata quella passata per Vibo Marina. Animata, rovente. Si illude però chi pensa alla calura estiva, agli spettacoli di intrattenimento sotto le stelle o ad orde di turisti che affollano lungomare, cose rare a queste latitudini da qualche anno a questa parte. Ad occupare le vie della cittadina tirrenica sono invece gli abitanti del luogo ormai esausti e furenti a causa dell’abbandono in cui è sprofondata una delle località balneari più importanti della Costa degli Dei. La goccia che ha fatto traboccare il vaso, è un’ordinanza che prevedeva ulteriori stalli a pagamento lungo la zona centrale, in prossimità dei lidi e a Bivona.

Vibo Marina non ci sta! Siamo scesi in piazza a protestare. Vibo Marina è stanca di riempire le casse comunali di tasse senza aver garantito quantomeno l’ordinario. E i turisti dove sono? Immediata la risposta del sindaco Costa: doppio incontro per il giorno dopo. Il sindaco incontra i commercianti in mattinata e la cittadinanza in serata: strisce blu abolite su via Cristoforo Colombo e corso Michele Bianchi, in via Vespucci (per questioni di sicurezza spiega) a Vibo Marina; nei pressi di piazza Marinella a Bivona. L’incontro con la cittadinanza lo costringe a dar risposte al suo operato. Una cittadinanza le cui accuse, rimaste inascoltate, sono molto pesanti. Ascolta tutti il sindaco Costa. Spiega perché il programma de “La città che vorrei” non è ancora stato attuato. Spiegazione, interrotta da una cittadinanza stufa di ulteriori parole e che pretende, a gran voce, fatti. L’incontro non può proseguire: gli animi di Vibo Marina, delusi e amareggiati, sono troppo irati nel sentire giustificazioni che non reggono. Basta!

Il sindaco parla di aver trovato una situazione grave, di essersi dovuto impegnare a creare le condizioni affinché  il suo programma elettorale potesse decollare. Praticamente tre anni per recuperare i fondi e avviare le procedure, con gli altri Enti competenti, per la messa in sicurezza del territorio. Il porto è fermo perché si attendono questi nuovi finanziamenti stanziati dalla Regione, sempre se arriveranno; l’Italcementi è disponibile alla vendita del sito ma non risponde a un cittadino che grida “Si, non riapre e lo sappiamo ma perché non li costringete a fare la bonifica?”; illustra la situazione zona Pennello…  Ma senza messa in sicurezza, niente può esser programmato e attuato a Vibo Marina. Adirata, la cittadinanza chiede perché non si risolva l’ordinario: spazzatura, verde, buche… Chiede a cosa servono le strisce in un paese senza turisti, fermo economicamente e ridotto non a giardino ma discarica, senza uno stralcio di programma estivo, senza un minimo di attrattiva, con Porto e Italcementi oggetto solo di annunci eclatanti. “Ci prende in giro di nuovo!”, sussurra la gente.

Ma per l’ordinario non ci sono scuse ma occorrono soluzioni garantite e costanti, caro signor sindaco. Non nascondo la mia vicinanza politica al partito di destra che appoggia la traballante maggioranza di questa Amministrazione, anche se appartengo a quell’area che in più occasione non ha certo risparmiato critiche al sindaco Costa ne ha condiviso l’atteggiamento lassista e sordo assunto dinnanzi a una città che ha bisogno di soluzioni e non di scuse. La politica deve dare risposte concrete al territorio. Nel momento in cui non ne trova, la soluzione è fare un passo indietro. Mi auguro che questo incontro con una Vibo Marina unita e compatta a reclamare ciò che ha il diritto di pretendere, sia servito a far capire che è ora di smetterla di giocare a “Chi fa oggi l’assessore” e a spingere la sua Amministrazione a lavorare con maggiore impegno e costanza: lo devono a chi li ha eletti. Cosi come mi auguro che il partito di cui condivido ideologia, ma in questo caso non il metodo, prenda in mano la situazione e si imponga affinché giungano fatti o in alternativa decida di non essere complice di un fallimento e stacchi la spina. Vorrei esser speranzosa ma, come i miei concittadini, invece sono stanca e disillusa di veder cadere a picco il mio paese che tanto merita e tanto può restituire se solo ci si impegnasse seriamente.

*Ex coordinatrice Ncd Vibo Marina

LEGGI ANCHENuove strisce blu a Vibo Marina, la rivolta dei cittadini: «Si rischia di morire»

Strisce blu a Vibo Marina, protesta “notturna” dei cittadini (VIDEO)

Strisce blu a Vibo Marina, prime aperture dal Comune: il piano verrà rivisto (VIDEO)

La lettera | “Caro sindaco, amo la mia città ma ora me ne vergogno”

La lettera | “Vibo è nel degrado. Caro sindaco, dimostri che può ancora cambiare le cose”

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook