Azzannata da cani randagi, paura per una donna di Briatico

La disavventura poteva avere ben altre conseguenze. Episodi simili registrati anche nelle frazioni

La disavventura poteva avere ben altre conseguenze. Episodi simili registrati anche nelle frazioni

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Disavventura per una donna briaticese C. M., attaccata da un branco di cani nella zona marina di Briatico, nei pressi dell’ex campeggio “Squalo 33”. A conclusione di una giornata nei campi nell’azienda di famiglia dedita alla produzione di cipolla rossa, la donna stava sollevando una cassetta da terra quando è stata aggredita e morsa dai cani. Il branco era composto sia da randagi che da cani padronali dotati di collare. In un primo momento si è recata nei locali della guardia medica, poi all’Asl di Vibo Valentia. Ha acquistato del vaccino antitetanico e, in aggiunta, dai medici consultati è stato consigliato anche l’antirabbica: «L’Asl vibonese – dice – non è stata in grado di fornirmela, perciò dovrò recarmi a Tropea. Anche a disinfettare la ferita, ho dovuto provvedere personalmente». Secondo la testimonianza della signora, episodi simili – per la maggior parte denunciati – si verificano anche nella frazione San Leo: «Eppure – conclude – i cani ritornano sulla strada dopo qualche giorno».

Informazione pubblicitaria