lunedì,Dicembre 11 2023

Rinascita-Scott, Libera Calabria: «Colpita l’ala più violenta della criminalità organizzata»

La segreteria regionale: «La pronuncia odierna conferma il venir meno del senso di impunità che per troppo tempo ha prevalso, incutendo paura e insicurezza»

Rinascita-Scott, Libera Calabria: «Colpita l’ala più violenta della criminalità organizzata»

«Sono passati quattro anni da quel 19 dicembre 2019 che ha rappresentato uno spartiacque importante per il territorio vibonese. Dopo due anni e dieci mesi, con oltre 500 udienze, oggi, nell’aula bunker di Lamezia Terme é stato letto il dispositivo della sentenza del processo Rinascita-Scott. Arriva a conclusione il primo grande processo contro la ‘ndrangheta vibonese, enorme non soltanto nei i numeri ma anche per l’impatto sociale ad esso collegato». Lo scrive la segreteria di Libera Calabria aggiungendo: «Un lavoro importante che va riconosciuto allo straordinario operato condotto dal collegio giudicante presieduto da Brigida Cavasino. Un verdetto che conferma quasi interamente l’impianto accusatorio della Dda di Catanzaro e che permette di ricostruire anche giuridicamente non solo la visione unitaria della ‘ndrangheta, ma anche l’elevato numero di ‘ndrine presenti e attive in un contesto non molto ampio territorialmente quale quello vibonese». Per il sodalizio la sentenza «colpisce, con pesanti condanne, l’ala più violenta e crudele della criminalità organizzata che per decenni ha tenuto sotto scacco e condizionato pesantemente la vita sociale, economica e politica del territorio. Una pronuncia, quella odierna, che conferma il venir meno del senso di impunità che per troppo tempo ha prevalso, incutendo paura e insicurezza. Siamo però convinti che la spallata decisiva alla criminalità organizzata ed alla sottocultura della ‘ndrangheta deve giungere dalla società civile, protagonista di processi culturali che permettano di invertire la rotta. Pertanto, il nostro pensiero é rivolto a chi, ancora oggi, si trova schiacciato dal giogo criminale, affinché pronunce come questa possano infondere maggiore coraggio e fiducia permettano di individuare nella denuncia una forza di libertà e cambiamento. Infine – conclude la segreteria- accogliamo con soddisfazione il riconoscimento della nostra associazione come parte civile, un riconoscimento che va oltre il dato prettamente giuridico ma che diviene simbolo di un’intera società civile e responsabile, la quale chiede direttamente ai mafiosi il conto del danno arrecato».

LEGGI ANCHE: Rinascita Scott: ecco l’attesa sentenza del Tribunale di Vibo, “pioggia” di condanne

Rinascita Scott: confiscate diverse attività e ditte nel Vibonese

Rinascita Scott, il procuratore Capomolla: «Confermato l’impianto accusatorio»

Articoli correlati

top