Comune di Maierato: revoca di un contributo del Mise, se ne occupa il Tar

L’ente ha deciso di conferire incarico ad un legale affinchè i giudici amministrativi si pronuncino sulla legittimità della decisione del Ministero

L’ente ha deciso di conferire incarico ad un legale affinchè i giudici amministrativi si pronuncino sulla legittimità della decisione del Ministero

Informazione pubblicitaria

Si sposta al Tar la revoca di un contributo ministeriale concesso al Comune di Maierato il 29 agosto 2014. L’ente, in esecuzione di una delibera della giunta comunale, ha infatti deciso di conferire con apposita determina un incarico legale all’avvocato Nazzareno Rubino avverso la decisione con la quale il Ministero dello Sviluppo economico “Direzione generale per il mercato elettrico, le energie rinnovabili e l’efficienza energetica”, autorità di gestione del Programma operativo Interregionale “Energie rinnovabili e risparmio energetico FESR 2007-2013”, ha deciso il 27 febbraio scorso di disporre la revoca di un contributo pari ad 101.200,00 euro.

Informazione pubblicitaria

La determina è stata firmata dal responsabile del servizio tecnico Aldo Cinquegrana. Saranno quindi i giudici amministrativi di Catanzaro a dover decidere sulla legittimità della revoca del consistente contributo già concesso al Comune di Maierato.