lunedì,Aprile 19 2021

Taglio e furto di piante nel Parco naturale delle Serre, due denunce

I responsabili sono stati individuati grazie agli impianti di videosorveglianza collocati in località Scaletta- Furia di Spadola

Taglio e furto di piante nel Parco naturale delle Serre, due denunce

Scoperti i due autori del taglio e furto di circa 30 piante di faggio e castagno in località Scaletta- Furia di Spadola, ricadente all’interno del Parco Naturale Regionale delle Serre, in terreno di proprietà della Regione Calabria – Azienda Calabria Verde. E’ la risultanza di un’attività d’indagine condotta nei giorni addietro dai militari della Stazione Carabinieri Forestale di Serra San Bruno (Vibo Valentia).

L’area in questione, proprio per il continuo perpetrarsi di furti di piante, era attenzionata da alcuni giorni mediante l’utilizzo di più videocamere. Dalle riprese visionate era possibile accertare con chiarezza l’opera effettuata da due uomini. Sceglievano le piante da abbattere, procedevano al taglio ed al sezionamento mediante motosega, agganciavano il materiale legnoso sezionato al verricello di un trattore gommato e lo asportavano.

Si notavano, i due, anche mentre occultavano le ceppaie coprendole con fogliame e rami secchi, cancellare le tracce del trattore ed inoltre, forniti di pala e piccone, dirigersi nel punto in cui la strada era inaccessibile. Difatti, qualche decina di metri più a valle, trasversalmente alla sede viaria era stata creata una trincea, sicuramente per impedire l’accesso ad altri veicoli al sito in questione.

Individuati gli autori come persone del luogo, di cui una di origini rumene, i militari effettuavano un sopralluogo all’interno della proprietà di uno dei due. Qui, depositata su un piazzale, vi era una catasta di circa 200 q.li tronchi tagliati di recente aventi le caratteristiche, sia di specie che di dimensioni, del materiale trafugato; vi era, altresì, parcheggiato un trattore gommato identico a quello utilizzato, e ripreso nei filmati, per asportare le piante.

Non riuscendo a giustificare la legittima provenienza del materiale legnoso, i due sono stati denunciati alla Procura di Vibo ed il materiale legnoso è stato sequestro. Dovranno rispondere per taglio abusivo, furto e danneggiamento di piante, violazione al vincolo paesaggistico ed idrogeologico, nonché violazione della normativa sulle aree protette.

Articoli correlati

top