giovedì,Agosto 18 2022

Conclusa con successo la mostra fotografica di Vivi San Calogero

Tutte le foto della rassegna hanno stimolato l'interesse del pubblico e alcune di esse hanno attirato l'attenzione della giura tecnica guadagnandosi una menzione di merito

Conclusa con successo la mostra fotografica di Vivi San Calogero
L'iniziativa a San Calogero

di Marco Galati

Volti, paesaggi e momenti di vita da eternare in un’immagine per mettere a fuoco il nostro vissuto e la nostra identità: è quello che si è proposto di fare l’associazione socioculturale Vivi San Calogero promuovendo il concorso e la relativa mostra fotografica “San Calogero in uno scatto” allestita domenica sera in piazza Nicola Calipari. L’iniziativa, inserita nel contesto de “La primavera della cultura”, ha ottenuto un gratificante riscontro di pubblico e di critica con piazza Calipari gremita di gente come non accadeva da tempo. Tutte le foto della rassegna hanno stimolato l’interesse del pubblico e alcune di esse hanno attirato l’attenzione della giura tecnica guadagnandosi una menzione di merito. La giuria tecnica era composta da quattro fotografi professionisti: Andrea Aragona Giovanni Noto, Francesco Mazzeo e Antonio Zinnà. [Continua in basso]

“Le Mani” proclamata dalla giuria tecnica come la foto più bella

A Maria Certo è andato il premio della foto più bella con lo scatto dal titolo “Tra le mani”. La giuria tecnica ha motivato la sua scelta con queste parole: “per l’originalità nell’elaborazione del tema, per la spiccata abilità interpretativa che ha caricato l’immagine di una forte capacità espressiva rispetto ad un tema di rilevanza culturale. Le mani, assolute protagoniste dello scatto, ci dicono chi siamo, con le mani ci presentiamo, comunichiamo. Esprimono la nostra interiorità. Provate dal lavoro e allo stesso tempo rese fragili dagli anni quelle dell’anziana, in contrapposizione a quelle giovani e pure dei bambini. In termini di composizione, l’immagine contiene tutti gli elementi caratterizzanti il tema del concorso e contestualizza due generazioni a confronto protagonisti di un viaggio che li vede andare in direzioni opposte, ma entrambi aggrappati alle stesse origini”. [Continua in basso]

Il premio della giuria popolare è andato a Maria Zinnà con l’istantanea dal titolo “Omaggio a San Calogero” che ritrae il professore Francesco Romano nell’atto di comporre una melodia su pentagramma”.

Altri attestati di merito sono stati consegnati dal presidente del sodalizio, Salvatore Manco, a Maria Grazia Colloca con la foto dal titolo “La consegna del futuro”, a Chiara Manco con lo scatto dal titolo “La fede”, a Francesca Baldo con l’istantanea “Mercoledì uggioso “ e a Francesco Calabria con l’immagine “Una conversazione d’altri tempi”. Non hanno nascosto la loro soddisfazione al termine della serata gli organizzatori che, gratificati per la buona riuscita della rassegna, e prima di dare appuntamento al prossimo anno per la seconda edizione, hanno fatto sapere che l’iniziativa culminerà nella realizzazione di un calendario fotografico che sarà distribuito in paese ad inizio 2023.

Articoli correlati

top