VIDEO | Invasioni Digitali, missione compiuta a Tropea e Brivadi

Per il secondo anno consecutivo le iniziative culturali partecipative hanno interessato il comprensorio tropeano.

Per il secondo anno consecutivo le iniziative culturali partecipative hanno interessato il comprensorio tropeano.

Informazione pubblicitaria
L'invasione digitale alla Torre Marrana di Brivadi

Lo scorso 23 aprile, con il coordinamento dell’associazione Cosi Mali, sono stati invasi il Museo Diocesano, la Chiesa dei Nobili di Tropea e la Torre Marrana di Brivadi, frazione di Ricadi.

«L’evento – fanno sapere gli organizzatori – ha avuto luogo grazie ad una preziosa ed essenziale collaborazione tra istituzioni, associazione e cittadini». A Tropea, guidati da Don Ignazio Toraldo di Francia e da Dario Godano, il “momento culturale partecipativo” ha preso vita grazie agli studenti dell’IIS.

Terminata l’invasione tropeana, l’evento si è spostato alla Torre Marrana di Brivadi, rudere di elevata importanza storica. «Gli invasori digitali presenti, grazie ai racconti storico-culturali di Agostino Gennaro, don Pasquale Russo e Ilaria Giuliano, hanno potuto approfondire diversi aspetti di questo luogo magico».

L’invasione alla Torre Marrana è stata introdotta dagli attori dell’associazione culturale LaboArt; mentre, grazie al movimento giovanile “Punto e a Capo” di Brivadi, i partecipanti hanno potuto assaggiare un binomio gastronomico povero, ma dalle grandi virtù salutistiche: pane e cipolla.