lunedì,Febbraio 6 2023

Alla tonnara di Bivona l’etnomusicologa Anna Lomax Wood

La figlia del grande etnomusicologo statunitense Alan Lomax ha incontrato i soci della Pro Loco di Vibo Marina e ha visitato l’antica tonnara di Bivona

Alla tonnara di Bivona l’etnomusicologa Anna Lomax Wood
Evento alla Pro loco di Bivona

Nell’ambito delle numerose iniziative socio-culturali del punto Iat, informazioni ed accoglienza turistica importante servizio sito vicino al porto e unico in tutto il territorio comunale, questa mattina, Anna Lomax Wood, figlia del grande etnomusicologo statunitense Alan Lomax – noto per aver registrato e raccolto proprio a Vibo Marina, nel 1954, i canti tradizionali dei tonnaroti del territorio costiero – si è recata in visita alla sede della Pro Loco Aps di Vibo Marina ricevuta dal presidente Enzo De Maria, da numerosi soci dell’Associazione e dai ragazzi del servizio civile. I dettagli sono contenuti in un comunicato stampa. [Continua in basso]

Anna Lomax

Accompagnata dal marito e dallo studioso Antonio Montesanti, la dottoressa Lomax Wood – anche lei etnomusicologa, docente e presidente della Fondazione che valorizza il ricco archivio di ricerche dei Lomax –  ha raccontato aneddoti sull’esperienza del padre in Calabria, si è voluta soffermare sul valore sociale ed antropologico dei canti di vita o di lavoro, espressioni di identità, dolore, gioia, di festa ogni tempo; un ricco patrimonio dell’identità locale da comprendere,  tutelare e valorizzare al meglio anche in Calabria, musica  della gente comune e dei suoi sentimenti  che può unire tutto il mondo. Ha voluto infine donare, con una affettuosa dedica, alla “Piccola Biblioteca del Porto e del Mare” della Pro Loco una copia del volume “I canti della Tonnara” a cura di Danilo Gatto contenenti anche scritti del ricercatore Antonio Montesanti.

La Pro Loco di Vibo Marina, nel ringraziare Anna Lomax per aver scelto Vibo Marina come luogo delle vacanze, ha inteso omaggiarla con una targa: «In segno di gratitudine e stima all’etno-musicologo Alan Lomax per le preziose registrazioni audiovisive sui “Canti delle tonnare” svolte nel 1954 a Vibo Marina. Ritmi ed emozioni conservate e divulgate in tutto il mondo dalla splendida figlia Anna Lomax. Un patrimonio culturale e sociale legato al nostro mare, alla vita e al lavoro degli “eroici pescatori” del Sud Italia».

Accompagnata dal segretario della Pro loco Rosario Carbone, da soci e volontari si è quindi recata in visita alla Tonnara di Bivona, aperta in questi giorni dall’Associazione in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Nino Canduci, figlio del rais Giovanni Canduci, ha illustrato la vita che si svolgeva nell’antica tonnara, la preparazione alla stagione di pesca, i riti della mattanza, i canti, la religiosità intorno alla piccola cappella dei pescatori posta al piano terra. La dottoressa Lomax ha quindi visitato la palazzina gentilizia, dove ha potuto visionare dall’alto, attraverso le piccole finestre, la splendida grande Loggia in legno di quercia che rappresentava il “cuore della tonnara” ancor oggi contenete alcuni barconi in legno (tra gli ultimi presenti in Italia), per uno dei quali è stato avviato di recente il restauro.

La Tonnara ha colpito ancora per la sua straordinarietà e purtroppo – si legge ancora nel comunicato -anche per il suo stato.  Rappresenta un esempio concreto di “Archeologia industriale legato al mare” unico in Calabria e tra i più rappresentavi in Italia insieme a quella di Favignana; un bene  identitario importantissimo per la comunità di Bivona che attende da tempo una  fruizione completa  e dignitosa come “Museo della civiltà del mare”; un bene culturale necessario per uno sviluppo sostenibile del territorio, attrattiva straordinaria per il Turismo che giunge a Vibo Marina via terra o via mare e che vuole fermarsi e conoscere il luogo, proprio come ha fatto la nostra splendida amica americana Anna Lomax.

Articoli correlati

top