martedì,Aprile 16 2024

Vibo, il duo Ale e Franz all’apertura del nuovo teatro: «C’è profumo di nuovo»

Dopo trent'anni in scena il primo spettacolo nella nuova struttura che sorge nel quartiere Moderata Durant

Vibo, il duo Ale e Franz all’apertura del nuovo teatro: «C’è profumo di nuovo»

Il teatro comunale di Vibo Valentia ha aperto ufficialmente i battenti con lo spettacolo del duo comico Ale e Franz. Un successo di pubblico, dopo trent’anni di attesa. Prima di salire sul palcoscenico, i due artisti hanno risposto alle domande dei cronisti. «C’è profumo di nuovo – ha detto Ale -. È come salire su una macchina nuova. C’è profumo di legno. Di lavori. In un mondo dove si chiudono sempre più teatri, arrivare in una città dove se ne apre un nuovo è un bel segnale. Siamo orgogliosi e onorati che abbiate scelto noi per la prima». I due spettacoli in programma per la giornata di ieri hanno registrato il sold out: «Si vede che c’è voglia di teatro – ha commentato Franz -. Abbiamo messo in piedi “il meglio di. . . ” per omaggiare questo palcoscenico e portare un pò di leggerezza. Il pubblico ne ha bisogno e ne abbiamo bisogno anche noi, in un periodo che vede sofferenza ovunque. Quel che cerchiamo di trasmettere sono i sorrisi e il buon umore che fanno bene al fisico e alla mente». Soddisfatto anche il sindaco Maria Limardo: «Sono felice della buona riuscita dello spettacolo. La gente è contenta, aveva una grande voglia di appropriarsi del teatro che non è di nessuno – ha sottolineato, rispondendo alle polemiche dei giorni scorsi innescate da quanti sono rimasti senza biglietto -. Il teatro è di tutti. La città ha sempre mantenuto un livello culturale molto alto e, al netto delle polemiche la gente vuole anche divertirsi, vuole partecipare e fare cultura».

LEGGI ANCHE: Teatro a Vibo e vendita dei biglietti, la minoranza mette sotto accusa l’assessore Fanelli

Teatro di Vibo, il polo di Centro: «Dalla giunta Limardo lungo elenco di violazioni normative»

Nuovo teatro di Vibo e polemiche, il M5S: «Le autorità invitate si astengano dal presenziare»

top