venerdì,Dicembre 3 2021

Chiusura azienda Cof, la solidarietà ai dipendenti da parte della Pro loco di Vibo Marina

L’associazione «preoccupata per la continua perdita di posti di lavoro nel territorio marittimo-portuale-industriale di Vibo Valentia» chiede maggiore attenzione dalle istituzioni

Chiusura azienda Cof, la solidarietà ai dipendenti da parte della Pro loco di Vibo Marina

La chiusura dell’azienda Cof spa, dopo oltre venti anni di attività, assesta un altro duro colpo all’ormai asfittico apparato industriale vibonese. La pandemia, con il suo corollario della didattica a distanza nelle scuole e il mancato incasso di crediti esigibili dalle aziende di distribuzione hanno provocato un effetto a cascata che ha finito per travolgere un’azienda che conta 60 dipendenti e che si collocava tra le imprese leader del settore facendo registrare un volume d’affari con cifre importanti. Non si è trattato quindi di una crisi di natura economica, legata alla produttività (circa 20 milioni di confezioni di frutta e verdura all’anno), bensì di una crisi finanziaria che ha decretato il fallimento aziendale.

Non si sono finora registrate, sull’ennesimo evento negativo per l’economia vibonese, reazioni da parte della politica, delle associazioni di categoria o delle organizzazioni sindacali. Sulla vicenda interviene la Pro Loco di Vibo Marina che, in un suo comunicato, esprime solidarietà ai sessanta lavoratori auspicando un intervento da parte delle istituzioni che porti al salvataggio di questa importante realtà produttiva.

«Nell’apprendere la chiusura della Cof di Porto Salvo, leader nel settore agro-alimentare, la Pro Loco di Vibo Marina esprime solidarietà ai sessanta lavoratori dell’azienda, tra cui diverse donne».

L’associazione di promozione turistica del territorio costiero si dichiara, inoltre, «preoccupata per la continua perdita di posti di lavoro nel territorio marittimo-portuale-industriale di Vibo Valentia, in una fase congiunturale resa ancora più critica dalla pandemia e dalla carenza di servizi. Appare evidente come il polo industriale di Vibo Marina meriti una forte e continua attenzione da parte di tutte le istituzioni, mentre si sollecitano maggiori iniziative da parte della politica, degli enti locali, del Corap e da quanti, con senso di responsabilità, sono chiamati a comprendere l’importanza del mantenimento dei livelli occupazionali attivandosi per la ricerca di ogni possibile soluzione che porti alla riapertura, in tempi brevi, di questa Azienda importante per la comunità vibonese».

Articoli correlati

top