sabato,Aprile 20 2024

San Calogero, tutto pronto per il “Carnevale da favola”

Le magiche favole di Walt Disney sono il tema della kermesse che riprende, con oltre 500 figuranti, a due anni dalla pandemia

San Calogero, tutto pronto per il “Carnevale da favola”
Uno dei carri a San Calogero in una passata edizione

Il conto alla rovescia è iniziato. Per domenica 19 febbraio è previsto l’appuntamento con il “Carnevale da favola” organizzato dall’associazione culturale Vivi San Calogero. Dopo due anni di stop per via della pandemia ritorna l’atteso evento fatto di travestimenti, esibizioni e colori. Saranno le favole di Walt Disney a fare da canovaccio agli spettacoli degli otto rioni partecipanti. La consueta parata, con debita cerimonia d’apertura, prenderà il via alle 14,30 su viale della Musica e vedrà sfilare oltre 500 figuranti che insceneranno le fiabe dei grandi classici Disney. [Continua in basso]

I più famosi personaggi della Disney

Questi gli abbinamenti “rione-favola” in programma: Calimera – Alice nel paese delle meraviglie; Calvario – La carica dei 101; Fontana vecchia – Biancaneve; Paese vecchio – Peter pan; Pigna – Re Leone; Schioppo – La sirenetta ; Torretta – Frozen; Vignale – Aladdin. Chiuderà il corteo uno speciale carro allegorico in rappresentanza di tutti i rioni, frutto del lavoro, della maestria e, soprattutto, della passione di un gruppo di volontari del posto. Seguiranno in piazza Calipari momenti d’intrattenimento e animazione con musica e balli. La manifestazione si chiuderà con la premiazione di tutti i rioni partecipanti.

Sulla kermesse il presidente di Vivi San Calogero Salvatore Manco ha voluto esternare le sue aspettative augurandosi si possa trascorrere una giornata all’insegna del sano divertimento, in allegria e spensieratezza. «Alla stessa maniera dei giochi popolari proposti in estate – ha detto Manco – anche questo carnevale vuole essere un momento di ripartenza e di riscatto per promuovere e valorizzare il bello e il buono di San Calogero. La scelta del tema, le fiabe, non è stata fatta a caso, e vuole essere una “risposta” a una realtà cupa e allarmante, caratterizzata da catastrofi, guerre ed epidemie. Attraverso le favole si vuole infondere fiducia e ottimismo nel futuro, donando la speranza che la realtà, come l’opera di fantasia, possa cambiare con il classico lieto fine in cui il bene trionfa sul male», ha concluso.

LEGGI ANCHE: Concorsi in maschera e sfilate: ecco il Carnevale a Brognaturo, Simbario e Spadola

Concorsi in maschera e sfilate: ecco il Carnevale a Brognaturo, Simbario e Spadola

Articoli correlati

top