La giunta delibera la riapertura della delegazione comunale di Piscopio

Viene di fatto recepito un ordine del giorno presentato (e poi ritirato) dal consigliere comunale Giuseppe Cutrullà senza che lo stesso debba passare al vaglio del consiglio comunale.

Viene di fatto recepito un ordine del giorno presentato (e poi ritirato) dal consigliere comunale Giuseppe Cutrullà senza che lo stesso debba passare al vaglio del consiglio comunale.

Informazione pubblicitaria

Il risultato è stato conseguito in tempi relativamente brevi. La delegazione comunale di Piscopio riaprirà a stretto giro di posta. A stabilirlo un’apposita delibera di giunta che, di fatto, recepisce un ordine del giorno presentato dal consigliere comunale d’opposizione, attuale capogruppo di “Pd e indipendenti”, Giuseppe Cutrullà.

Informazione pubblicitaria

Lo stesso odg aveva assunto carattere d’urgenza stante la sottoscrizione da parte di un quinto dei consiglieri comunali e, di conseguenza, avrebbe dovuto essere discusso in apposita seduta di consiglio entro 20 giorni dalla sua presentazione. Sennonché ha avuto la meglio la diplomazia e, acquisita la disponibilità in parola da parte del sindaco di procedere alla riapertura della delegazione, il consigliere che aveva avanzato la richiesta è stato ben disposto a ritirarla, onde evitare, peraltro, il dispendio di risorse pubbliche legate alla stessa convocazione del consiglio. Apertura di credito che ha trovato infine riscontro nell’atto della giunta.

La richiesta di Cutrullà: «Si riapra la delegazione comunale di Piscopio»

Così, evidentemente, Cutrullà si ritiene ora pienamente soddisfatto per una riapertura che, sostiene, «dovrà avvenire in tempi brevi a seguito della emanata delibera di giunta in merito» spiegando che «a tal proposito sono stato esortato dal sindaco Elio Costa al ritiro dell’ordine del giorno dal momento che la stessa sarebbe stata riaperta celermente senza passare dal consiglio, il quale aveva assunto il carattere dell’urgenza poiché sottoscritto da tutti i membri del gruppo Pd».

Per il consigliere comunale «si conclude un iter iniziato con una mia interrogazione, con la quale chiesi quali fossero le intenzioni della stessa amministrazione sul tema, invitandoli a riaprire questo importante presidio; dopo tale sollecitazioni la questione sembrava ripiombata nell’ombra, perciò nell’ultimo consiglio dell’anno ho ritento opportuno presentare l’ennesima proposta di ordine del giorno, a carattere assolutamente urgente, così che l’assise cittadina in data 8 gennaio prossimo ne deliberasse la riapertura definitiva».

La soluzione individuata consentirà pertanto «di ridurre i disagi, in particolare della popolazione più anziana, che non sarà più costretta ad affrontare frequenti, difficili e talvolta impossibili spostamenti, vista la totale assenza di mezzi pubblici». Una vittoria, la descrive Cutrullà, per l’intera comunità di Piscopio «della cui istanza mi sono fatto portavoce: una prima battaglia vinta, dunque, per il rilancio della frazione».