martedì,Febbraio 27 2024

Lorenza Scrugli “bacchetta” l’amministrazione Limardo: «Ecco come ha fallito sulle politiche sociali»

Mancanza di rendiconti, fondi non spesi, indifferenza e assenza da parte della maggioranza,. L'esponente della minoranza elenca le tante opportunità perse: «Non c'è più tempo per chi ha fatto dell’autoreferenzialità il proprio tratto distintivo»

Lorenza Scrugli “bacchetta” l’amministrazione Limardo: «Ecco come ha fallito sulle politiche sociali»
Lorenza Scrugli
Il sindaco Maria Limardo

«Sarà finalmente servita la riunione di mercoledì svoltasi a Vibo alla presenza di dirigenti regionali a far capire quanta insipienza, quanta inconcludenza, quanta superficialità, quanta poca volontà affligga l’operato della maggioranza che amministra la nostra città la quale per anni, nonostante le mie ripetute e puntuali richieste, solleciti e tentativi di confronto, ha sempre preferito mettere la polvere sotto il tappeto, cibarsi di propaganda, aver solo cura di amplificare un ordinario lavoro per distrarre l’attenzione da tutte quelle pecche e mancanze che affiggono il delicato settore delle politiche sociali?». È una delle domande che si pone il consigliere di minoranza Lorenza Scrugli che continua: «Si può dimenticare che proprio questo settore è stato a rischio commissariamento per non aver redatto nei termini i piani di zona e che solo le proroghe concesse dalla regione hanno evitato quest’onta? Ci si può scordare dei fondi non intercettati o di quelli addirittura persi per incapacità nonostante la loro giacenza in assessorato? Si può far finta di cancellare le problematiche tante volte da me sollevate anche nei question time per le quali era stata assicurata pronta risoluzione ma poi immediatamente accantonate e mai più affrontate? Si può non rammentare che solo la condanna del Tar Calabria ha indotto a iniziare a lavorare sui progetti “Vita”? Anche il tema affrontato mercoledì nella riunione a Palazzo Luigi Razza, e relativo agli assistenti sociali, era da mesi stato sollevato nelle apposite commissioni consiliari ed evidenziava la necessità che la politica iniziasse ad assumersi le responsabilità che le devono essere proprie così come da un paio di anni chiedevo il perché non fossero utilizzati quei fondi strutturali messi a disposizione dalle politiche nazionali per consentire la stabilizzazione degli assistenti sociali. Solo lo scorso anno due assistenti sociali sono stati finalmente stabilizzati. Tutti questi temi sono sempre e ripetutamente stati affrontati ricevendo sempre e solo… un assordante silenzio, un’immancabile assenza, un’arrogante e dispotica chiusura, un metodo che di democratico non ha davvero nulla».
Lorenza Scrugli poi entra nel dettaglio: «Assieme ai tanti temi per i quali si era tentato di avere un confronto serio ma soprattutto proficuo per i cittadini, ve ne è un altro determinante per il nostro territorio: quello relativo alla rendicontazione. Nella pubblica amministrazione, tutti i fondi spesi devono essere obbligatoriamente rendicontati perché non farlo comporta, nel tempo, non vedersene trasferire di nuovi fondi o la loro restituzione. Bene, nonostante le mie ripetute richieste di conoscere lo stato di avanzamento della rendicontazione siano state portate avanti da oltre due anni, il silenzio dell’amministrazione è stato sconcertante e surreale, tanto da costringermi a produrre il 27 ottobre un accesso agli atti alla Regione Calabria in cui chiedevo la rendicontazione effettuata dal Comune di Vibo su due fondi specifici (Fondo Povertà e Pac). La risposta ha finalmente consentito di chiarire ciò che in me era più di un dubbio e che temevo. Il Comune capofila di Vibo Valentia, relativamente al fondo povertà finanziato dal Ministero per le annualità 2018, 2019, 2020, 2021 con ben 3.369.576,17 euro quasi interamente spesi, ha prodotto una rendicontazione pari allo… 0 (zero) per cento. All’azione a sportello dei fondi Pac anziani che avrebbero consentito di fornire assistenza continuativa ai nostri concittadini al di sopra dei 65 anni, il nostro Comune non ha neppure aderito. Ma l’incapacità o la poca volontà politica già acclarata dal prolungato silenzio della nostra amministrazione e finalmente resa evidente dai dati della Regione, è resa ancor più grave dal fatto che il nostro Comune ha fatto ricorso a figure specialistiche già dal marzo 2021 il cui compito, come evidenziato nelle determine comunali succedutesi nel tempo, avrebbe proprio e fondamentalmente dovuto essere quello di rendicontare. Gli specialisti a cui l’amministrazione, senza mai controllare o volerlo fare, ha affidato tale delicato compito sono costati (il loro pagamento è avvenuto ricorrendo al Fondo Povertà) centinaia di migliaia di euro proprio a quelle fasce deboli a cui il fondo era destinato. Solo i tre esperti che hanno operato da marzo 2021 a giugno 2022 per 10 accessi mensili, sono costati ai cittadini quasi 150mila euro. Successivamente al giugno 2022 il numero degli esperti a cui è ricorso il nostro Comune è addirittura aumentato mentre quello degli assistenti sociali, indicato dal Ministero nella proporzione di uno ogni 5000 abitanti proprio a garanzia di uguaglianza ed adeguatezza di lavoro su tutto il territorio nazionale, e al pagamento dei quali il fondo è anche espressamente destinato, non è stato garantito. La consiliatura è ormai alle battute finali e sembra si sia già pronti a lanciarsi nella nuova campagna elettorale. Non c’è più tempo quindi per invocare o solo nutrire la speranza che qualcosa cambi in questo come in altri settori; resta solo la profonda amarezza – conclude Lorenza Scrugli – di aver riscontrato le tante opportunità mancate da un’amministrazione che ha fatto dell’autoreferenzialità il proprio tratto distintivo».

LEGGI ANCHE: Comunali a Vibo: per M5S, Progressisti e Umanesimo sociale «il dialogo prosegue»

Comunali a Vibo, Luciano: «Disponibili al dialogo con tutti coloro che si sentono alternativi alla Limardo»

Comunali a Vibo, Lo Schiavo: «No a imposizioni e frammentazioni. Apriamo a elementi di unione»

Articoli correlati

top