mercoledì,Febbraio 21 2024

Serra al centro: «Caos su ticket e scelta medico, l’Asp dimentica l’entroterra»

Il movimento denuncia la poca attenzione che l'Azienda sanitaria provinciale avrebbe nei confronti del territorio montano: «Uffici aperti poche ore a settimana e cittadini costretti a viaggi a vuoto»

Serra al centro: «Caos su ticket e scelta medico, l’Asp dimentica l’entroterra»
L'ospedale di Serra San Bruno
La sede dell’Asp di Vibo Valentia

«Non c’è solo confusione ma scelte amministrative poco opportune che non tengono conto delle caratteristiche territoriali del Comprensorio montano delle Serre vibonesi. Ci riferiamo alle continue segnalazioni che giorno dopo a giorno mettono a nudo la disorganizzazione di un sistema sanitario vibonese che dimentica ammalati e territori, facendo si che l’esenzione ticket e la scelta del medico di medicina generale avvenga per poche ore due volte a settimana». La denuncia arriva dal movimento “Serra al centro” e riguarda quanto accade a Serra San Bruno, dove «la popolazione montana dell’entroterra che giunge spesso da paesi “limitrofi” ma distanti gomitoli di curve è costretta a sobbarcarsi code, viaggi chilometrici e problemi logistici per vedersi riconosciuto un diritto legittimo, quale quello all’esenzione del ticket o alla scelta e revoca del medico curante, a fronte di sportelli aperti per poche ore. Un servizio precario che sta diventando sempre di più un disservizio che colpisce ammalati ed indigenti». [Continua in basso]

Secondo gli esponenti di “Serra al centro”, «non basta creare dei disagi e poi cercare di risolverli correndo ai ripari con soluzioni tampone, va invece preveduto ed evitato. Succede così che il viaggio degli abitanti dei paesi montani alla volta degli sportelli Asp di Serra San Bruno sembra più una missione che l’esercizio di un diritto, con molte persone reduci da tanti viaggi a vuoto e poche certezze. Ma l’Asp vibonese, guidata dal commissario straordinario, Giuseppe Giuliano, sembra dimenticarsi di questo territorio, anche all’indomani del suo rinnovo, contrariamento a quanto promesso qualche mese addietro. Chiediamo al commissario Giuliano, che fine ha fatto l’apertura del reparto di lungodegenza? Come mai non si scorrono le graduatorie per garantire il personale idoneo a garantirne il servizio? Perché il servizio ambulatoriale al distretto di Serra non ha le medesime ore previsto per gli altri distretti? Interrogativi rispetto ai quali chiediamo una risposta non tanto e non solo a parole, ma soprattutto con i fatti».

LEGGI ANCHE: Vibo, disagi e lunghe file a Moderata Durant per la scelta del medico di base

Serra, convocato Consiglio comunale aperto per parlare di Casa della comunità

Articoli correlati

top