martedì,Luglio 16 2024

Vibo, monsignor Nostro a LaC: «Calabria terra estremamente generosa»

Il vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea: «Il lavoro del vostro network è simile al mio, entrambi cerchiamo di fare rete e creare connessioni»

Vibo, monsignor Nostro a LaC: «Calabria terra estremamente generosa»
Il vescovo Nostro negli studi di LaC
Il vescovo Nostro e l’editore Maduli

«È bellissimo il lavoro che il vostro network sta facendo. Per certi versi assomiglia al mio lavoro, perché entrambi cerchiamo di fare rete, di creare connessioni». Il vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea, Attilio Nostro, ormai è di casa nella redazione di LaC. Non sono rare, infatti, le occasioni in cui ha visitato gli studi del Network. La prima volta a poche settimane di distanza dal suo insediamento alla guida della Diocesi vibonese, nell’ottobre del 2021. Un primo incontro con l’editore Domenico Maduli, i giornalisti e i dirigenti aziendali che consentì di istaurare da subito un rapporto estremamente solido. Sinergia poi temprata nell’emergenza pandemica e nei risvolti epocali del conflitto in Ucraina, eventi che vedono in prima linea chi si occupa d’informazione e di solidarietà. Gli stessi temi sui quali il vescovo Nostro è tornato durante l’ultima intervista che ha concesso a LaC News24, raggiungendo ieri i nostri studi. Ad accoglierlo, oltre a Maduli, presidente della Diemmecom, che edita le testate del Gruppo, c’erano il direttore editoriale Alessandro Russo e il direttore strategico Paola Bottero. [Continua in basso]

«La voglia di coesione, il desiderio di tornare a condividere la quotidianità, è fortemente percepibile – ha ribadito l’alto prelato -. Lo noto non soltanto dalla partecipazione alle funzioni religiose, ma lo vedo anche nelle scuole e in tante altre realtà che mi capita di visitare. Le persone hanno veramente voglia di ritrovarsi, di ritrovare se stesse. Hanno voglia di comunione». Concetti che combaciano con quanto affermato da Domenico Maduli nel suo editoriale per il nuovo anno, quando ha sottolineato che «la Calabria ha bisogno di creare connessioni», perché necessita di «unità e collaborazione istituzionale» per guardare al futuro con ottimismo. Obiettivo cheil Gruppo di LaC sta perseguendo con tenacia, rinsaldando la sinergia con tutti i principali attori istituzionali, come in occasione della visita del generale Pietro Salsano, comandante della Legione Carabinieri Calabria, e del colonnello Massimo Alligri, comandante del Distaccamento calabrese dell’Aeronautica militare.

Continua a leggere su LaC News24

Articoli correlati

top