venerdì,Maggio 24 2024

Cipolla rossa ma non solo, a Tropea nei piatti di Masterchef ‘nduja e pecorino del Poro

È andata in onda la puntata girata nella Perla del Tirreno. I concorrenti del cooking show più famoso al mondo si sono sfidati creando menù con i prodotti locali

Cipolla rossa ma non solo, a Tropea nei piatti di Masterchef ‘nduja e pecorino del Poro
Alcuni frame dalla puntata

È andata in onda ieri sera la puntata di Masterchef Italia che ha visto protagonista Tropea. La seconda esterna della dodicesima stagione in scena dunque nella Perla del Tirreno: due brigate, rossa e blu, formate dai concorrenti del cooking show più famoso al mondo si sono date battaglia eseguendo un menù creativo a base di cipolla rossa. «Quando entra in una ricetta, da cenerentola della cucina diventa una regina», ha detto lo chef Giorgio Locatelli per rendere onore al prodotto che più di tutti rappresenta la Calabria: la cipolla rossa di Tropea.

Nel giardino dello scoglio di Santa Maria dell’Isola sono state allestite le due cucine e la “sala” dove 35 produttori della Costa degli Dei, di cipolla e non solo, hanno potuto degustare le pietanze preparate dalle due squadre. Il menù scelto dai tre giudici – Bruno Barbieri, Antonino Canavacciuolo e Giorgio Locatelli – prevedeva: due antipasti, un secondo e un dolce. Una sola regola: tutte le pietanze dovevano avere come protagonista la cipolla rossa di Tropea. L’equilibrio ha regnato per tutta la prova ma a spuntarla è stata la brigata rossa, capitanata da Mattia, che grazie all’ultima portata è riuscita ad avere la meglio sugli avversari.

Durante la sfida, oltre alla cipolla, sono stati usati i principali prodotti che caratterizzano la cucina tradizionale calabrese: nduja, alici, surici di mare (pesce pettine), bergamotto, formaggio del Monte Poro etc. La puntata di Masterchef è stata una bella pubblicità per la Calabria, per Tropea (da prendere come esempio, anche grazie a manifestazioni come questa, per promozione turistica ndr.) e per la cipolla rossa che resta il prodotto della nostra terra che continua a trionfare nelle cucine di tutto il mondo.

LEGGI ANCHE: La Calabria e le sue eccellenze alla fiera del turismo di Oslo: presente anche la cipolla di Tropea

La ‘nduja di Spilinga è il salume più buono al mondo

Articoli correlati

top